Letture

Non gioco più, me ne vado

Nel 1967 Fred Bongusto cantava l’irresistibile Spaghetti a Detroit. Ecco, oltre agli spaghetti, al pollo, all’insalatina e alla tazzina di caffè si sono scordati la Macedonia… Sì, proprio quella del Nord: che ci ha tolto la possibilità di andare ai Mondiali di Calcio 2022 in Qatar.

E come se non bastasse il nostro CT Roberto Mancini, abbacchiatissimo, se n’è andato via intonando “Non gioco più, me ne vado”…

Oggi siamo già qui a sognare dove andremo questa estate in vacanza. Ma con i 0,25 centesimi che il nostro Governo ci ha abbuonato sulla benzina, sogniamo e basta.

Dopo avere attraversato lo specchio magico che ci trasporta nel passato, abbiamo incontrato Luigi XIV° il quale ci ha detto: “Prima la pandemia, poi la carestia, adesso la guerra. Roba da perderci la testa…”. Meglio andar via, va’!

ERA CROLLATA LA CASA! C’È STATO UN TERREMOTO! UNA TREMENDA INONDAZIONE! LE CAVALLETTE! NON È STATA COLPA MIA! LO GIURO SU DIO!

                                                                     (JOHN BELUSHI IN “THE BLUES BROTHERS”)

Quel gran monello di Mario Draghi ci ha proposto: “Volete la pace o il condizionatore acceso?”. Ma davvero? Speriamo che prima o poi non se ne esca con “Volete il frigorifero o il petrolio?”. Perchè non ce la fò: sia io, sia Giò!

Post scriptum: Vogliamo fare un plauso a chi ha deciso un aumento della produzione delle armi al 2% del nostro PIL (prodotto interno lordo). Grazie, ne avevamo proprio bisogno.

Share: