Food

Panettone Di Stefano: goloso, siciliano!

Tutto quello che viene preparato in casa Di Stefano ha un’unica radice: è siciliano. Sì, perché nascere in Sicilia è un caso, essere siciliani una scelta. La storia di quest’azienda è legata a 3 soci: i fratelli Vincenzo, Settimio e Benvenuto, orgogliosamente siciliani e uniti anche nel costante lavoro di ricerca di ingredienti isolani e nella selezione di tecniche di lavorazione tradizionali.

Assaporando l’ultimo arrivato, il panettone al gusto Mandarino Tardivo di Ciaculli & Fondente, proverete la sensazione di passeggiare fra gli agrumeti della Conca d’Oro del Parco Agricolo di Palermo, dove questo presidio Slow Food viene coltivato e tutelato seguendo le regole del disciplinare di produzione. Le scorzette candite di mandarino tardivo di Ciaculli, insieme alle pepite di cioccolato fondente purissimo, caricano di un sapore squisitamente siciliano il soffice impasto del panettone, equilibrando le fragranze degli agrumi e la rotondità della fava di cacao.

 

«Abbiamo detto no a tutto ciò che non avremmo mai messo in una ricetta pensata per i nostri figli», spiegano i fratelli Di Stefano. «Dunque niente emulsionanti, niente conservanti, niente superfluo. Selezioniamo con cura gli ingredienti che utilizziamo (uova fresche, burro 100% italiano, acqua oligominerale, pistacchi, mandorle, cioccolato, carrube, arance siciliane) cui uniamo una costante revisione delle ricette per ottenere risultati genuini senza rinunciare alla bontà. È da queste consapevolezze, dunque, che inizia il viaggio dentro il nostro panettone siciliano: gusto per gusto, sapore dopo sapore».

 

Le 2 Capsule Collection Limited Edition di questo dolce, oltre a scandire il Natale 2021azzereranno” il luogo comune secondo cui il panettone artigianale viene prodotto esclusivamente a Milano. Ecco dunque la latta d’artista chiamata Stupor Mundi, firmata da Domenico Pellegrino; e il piatto disegnato da Sandra Virlinzi, in arte Sdrina, ispirato alle veline protettive degli agrumi siciliani esportati all’estero. Il tutto all’insegna di una Sicilia contemporanea, barocca e nobiliare, filtrata da colori e da forme pop che rendono appieno l’energia e la vitalità di quest’isola, madre e musa da 35 anni di ogni scelta griffata Di Stefano.

© Alessandro Castagna

Share: