Fashion & Design

Futura x Cinelli. Quando la Street Art incontra la bicicletta

Siamo nell’immediato dopoguerra, per l’esattezza nel 1947, quando l’ex corridore professionista Cino Cinelli fonda a Milano l’omonimo marchio destinato a diventare leader nella produzione di manubri per biciclette e attacchi da corsa. Oggi la Cinelli, con l’altrettanto storico produttore di tubi Columbus, è di proprietà dell’Asobi Ventures, fondo di investimenti del manager della moda texano Victor Luis, che ne ha acquisito la quota di maggioranza.

Cino Cinelli con Fausto Coppi

Alla base della trattativa l’imprenditore Antonio Colombo, Presidente di Gruppo Srl (società che controlla entrambi i marchi), notissimo per essere il proprietario, da fine anni 90, della galleria milanese Antonio Colombo Arte Contemporanea. Nel suo caso, il motto “Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!” andrebbe ampliato in “Adesso fai arte!”, tanto grande è la sua passione sia per le 2 ruote (fra le bici iconiche by Cinelli spiccano la Laser, “customizzata” da Keith Haring; e la prima mountain bike europea, il Rampichino), sia per l’arte tout court (la Cinelli si è avvalsa della collaborazione di designer quali Alessandro Mendini, Italo Lupi e Denis Santachiara), al punto da aver creato il Cinelli Art Program, cioè le edizioni firmate in partnership con i suoi amici artisti fra cui Barry McGee, Mike Giant, Jeremy Fish e Joon Yoop.

Antonio Colombo con la Cinelli Laser “customizzata” da Keith Haring. Alle spalle, un dipinto di Mario Schifano

E siccome fra i grandi amori di Colombo non poteva certo mancare la Street Art, è nata sotto i migliori auspici la collaborazione con il graffitista newyorkese Futura, classe 1955, al secolo Leonard Hilton McGurr, contemporaneo di Keith Haring, Kenny Scharf e Jean-Michel Basquiat, nonchè grintoso ciclista urbano di lunga data.

«Il mio amore per il ciclismo è iniziato quando ero bambino», ha dichiarato. «Alla fine degli anni 80 facevo il corriere in bicicletta a New York City su una fissa. Nei decenni successivi – e dopo aver accumulato migliaia di chilometri – ho seguito costantemente i Grandi Giri e sono sempre stato un fan di questo sport appassionante. L’opportunità di creare un kit per Cinelli è più di un sogno che diventa realtà: è un vero e proprio dono di Dio».

Colombo con il graffitista Futura

Antonio Colombo e Futura s’incontrano più volte a New York. E dopo aver dipinto il telaio monotipo in carbonio Cinelli Candela e un telaio Cinelli Superstar per Traguardo Volante, la terza mostra celebrativa dei 100 anni dalla fondazione di Columbus, il graffitista e Futura Laboratories (il suo studio di design) hanno colto al volo la chance di aggiungere Cinelli al loro palmares di marchi come Nike, Uniqlo, Supreme e Levi’s.

E allora puntando sul rinnovato boom della bicicletta – da New York a Londra, da Parigi a Berlino, fino a Tokyo e naturalmente a MilanoFutura Laboratories x Cinelli ha messo a punto una collection unisex e performante, ideale sia per l’attività sportiva sia per il tempo libero, capace di coniugare in 3 design differenti – Spiral, Domestiq, Noseeumcreatività cinetica e cyclingwear dinamico.

Made in Italy con packaging ecologico, in carta (per i cappellini) e 95% in plastica bio-based, 100% riciclabile (per tech tee e bib shorts), Futura li ha concepiti destinandoli alla performance, in città e non solo. 
Avrete l’imbarazzo della scelta fra Futura Spiral Cap (il gesto iconico di Futura che si fa spirale vestendo il cap Cinelli, a sua volta icona dei rider nel mondo); Futura Spiral Tech Tee (il segno a spirale che incontra la funzione per la Tech Tee: alta traspirabilità e tessuto elastico che segue i movimenti del corpo, tasca posteriore invisibile e tag ad alta visibilità) e Futura Domestiq Cap (ossia il cappellino che celebra il gregario dell’epopea del grande ciclismo, che lavora per il capitano).

Oppure Futura Domestiq Bib Shorts (i Bib Short Race Cargo con tasca e dettagli hi-visibility per una maggior sicurezza su strada, fondello Paris HP Interface, resistenti all’abrasione e a UV 50+); Futura Domestiq Jersey F (la narrazione Domestique si fonde con il ciclismo urbano tanto familiare a Futura, in un jersey racing leggero e ricco di dettagli tecnici) e Futura Domestiq Tech Tee 
(ispirazione Domestiq ad alta traspirabilità con tessuto elastico che asseconda i movimenti del corpo, tasca posteriore invisibile e tag ad alta visibilità.

In edizione limitata, la collection è disponibile online su Cinelli Official Store, Futura Laboratories, One Block Down Online Store, Bicycle Film Festival Store ed esclusivamente nei punti vendita One Block Down Store di Milano e Roma.

 

 

Share: