Coolmag - music

Give More Love Cd
Ringo Starr & Paul McCartney
Ringo Starr
home - music




Ringo Starr - Give More Love (Universal Music)

di Gabriele Paoli

Umore: INFATICABILE

Da quando i Beatles si sono sciolti, Give More Love è il 19° album di Ringo Starr. Spesso e volentieri dimentichiamo che dopo la fine dei Fab Four si prevedeva che Ringo non avesse grandi potenzialità per una carriera solista di successo. I suoi primi 2 dischi, Sentimental Journey e Beaucoups Of Blues, anche se brillanti, non hanno certo imperversato nelle classifiche. Ma a partire dal 1971, con il suo primo singolo It Don’t Come Easy, il batterista di Liverpool è diventato il Beatle di maggior successo; e da allora ha continuato a fare musica più che valida. Give More Love riprende ciò che aveva lasciato fuori dal suo ultimo album da studio, Postcards From Paradise del 2015. Riutilizzando gran parte dei musicisti e altrettanti dei suoi attuali All Starr, Ringo è tornato con un’incisione che racchiude alcune sorprese: vedi la presenza di Paul McCartney con cui interpreta 2 canzoni, la rockettara We're On The Road Again e la ballata Show Me The Way, scritta e dedicata alla moglie Barbara Bach. McCartney & Starr hanno collaborato a molti dei rispettivi dischi a partire da Ringo (‘73); ed è sempre bello ascoltarli mentre suonano insieme e oltretutto in modo fantastico. In questo lavoro, Ringo si riunisce con gli ex All Starr quali Peter Frampton, Joe Walsh, Steve Lukather e il rientrante  Dave Stewart. Give More Love suona benissimo: un mix perfetto di nostalgia e sonorità contemporanee. I pezzi sono quelli che ti aspetteresti da lui: puro rock’n’roll e alcune ballate. Si spazia dagli inni pacifisti (la "title track"), alle canzoni d'amore (Show Me The Way), fino ai brani autobiografici come Electricity, ispirato alla ritmica di Rory Storm and the Hurricanes, gruppo in cui il musicista militava prima di unirsi ai Beatles.

Ringo non viene granchè riconosciuto per i suoi testi, ma qui si dimostra artista sensibile e interessato al mondo che lo circonda. La sua aspirazione, come per John Lennon, è la pace e l'amore: un mantra, peace & love, che canta dall’89 e contraddistingue il suo repertorio. Ogni nuova “release”, poi, è degna di una celebrazione. Ma ciò che rende quest’album un po’ più speciale del precedente sono le 4 “bonus tracks”, che trovate solo su Cd: una nuova versione di Back Off Boogaloo, costruita sul demo originale da lui ritrovato ed eseguita con Joe Walsh e Jeff Lynne; Don’t Pass Me By e Photograph, fresche e vibranti, rieseguite con l'indiano Vandaveer; la nuova versione della semisconosciuta Can’t Fight Lightning, con la rockband anglo-svedese Alberta Cross. Ringo Starr, che il 7 luglio ha compiuto 77 anni, è attualmente in tour negli Stati Uniti. Ha girato il mondo più di ogni altro Beatle e pubblica un album ogni 2 anni (il prossimo, quindi, lo realizzerà 79enne). C’è infine la ripubblicazione, imminente, di 2 vecchi dischi: Bad Boy, fuori catalogo dal ’78; e I Wanna Be Santa Claus, mai stato stampato su vinile. Ce n’è abbastanza per tutti i fans. E molto per mantenerlo in splendida forma.

www.ringostarr.com
 

stampa

coolmag