Coolmag - music

Avonmore
Bryan Ferry 2014
Loop De Li
home - music




Bryan Ferry - Avonmore (BMG)

di Cosimo Calogiuri

Umore: RISCALDATO

Quando ho inserito Avonmore nel lettore Cd, a guastarmi l’umore è stato un senso di stanchezza. Se avessi avuto il numero telefonico di Bryan Ferry, l’avrei chiamato dicendogli «Naaah Bryan, è la solita minestra riscaldata. I suoni di Avalon ripetuti all'infinito… Era proprio il caso?». Ma per uno come il sottoscritto che possiede tutti, ma proprio tutti, i dischi del nostro eroe (Roxy Music e carriera solista inclusa) era una questione di principio non fermarsi alle prime impressioni. Per gratitudine, se non altro: visto che la copertina di Viva! Roxy Music del 1975 mi sorprese coi capelli lunghi tardo Hippy convincendomi ad andare ogni mese dal parrucchiere per un taglio definitivamente ordinato. Senonchè, dopo ripetuti ascolti, la prima impressione non è cambiata: questo album non aggiunge proprio nulla di nuovo. Però... sono dannatamente felice che esista.

Per confermare la mia opinione sedetevi davanti al computer, smanettate una mezz'oretta sulle stazioni radiofoniche e rendetevi conto di quanta "fuffa" sonora impesta l'etere. E allora voglio ringraziare Bryan Ferry che a 69 anni suonati sa ancora regalarci emozioni, seppure ben conosciute. L’ammiccante, memorizzabile Loop De Li; l'elegante e struggente Midnight Train; la seduttiva Soldier Of Fortune; il coinvolgente “riff” di One Night Stand che testimonia (se mai ce ne fosse bisogno) l'amore incondizionato del nostro per la black music; l’impeccabile rivisitazione di Johnny And Mary (Robert Palmer) in coabitazione col dj norvegese Todd TerjeAvonmore, oltretutto, è un disco supportato da grandi musicisti: su tutti il bassista Marcus Miller e poi i chitarristi Nile Rodgers, Johnny Marr e Mark Knopfler. Insomma: sarà anche la solita minestra ma… posso averne un altro piatto? It still burns. Play it again, Bryan!

www.bmg.com

www.bryanferry.com


stampa

coolmag