Coolmag - music

Dean Wareham Cd
Dean Wareham
Best Of Luna
home - music




Dean Wareham - Dean Wareham (Sonic Cathedral)

di Stefano Bianchi

Umore: VELVETTIANO

Non è mica detto che il rock debba sempre digrignare i denti. Al contrario, quello che sbuca fuori dall’underground delle metropoli americane è “lo-fi”: caratterizzato, cioè, da sonorità scarne e crepuscolari che hanno il vantaggio di non sottoporre a stress le coronarie. Il “singer-songwriter” e chitarrista Dean Wareham, classe 1963, è l’introspezione/introversione fatta persona: dall’87 al ‘91 ha inciso 3 albums con i Galaxie 500 e dal ’92 al 2004 ha sfornato 7 dischi da "leader" dei newyorkesi Luna. A proposito, procuratevi il doppio Best Of Luna (Beggars Banquet) coi loro pezzi più influenti + una ventina di “covers”: da Jealous Guy di John Lennon a Sweet Child O’Mine dei Guns N’Roses, che da mediocre brano hard rock viene trasformato in memorabile canzone d’amore. Inoltre, sempre in punta di piedi, Wareham ha pubblicato 3 dischi con la moglie Britta Phillips fra cui 13 Most Beautiful… Songs For Andy Warhol’s Screen Tests: sonorizzazione dei filmati/ritratti “warholiani” con un orecchio ai Velvet Underground. Già, perché Wareham non ha mai fatto mistero d’ispirarsi al “sound” agrodolce della band capitanata da Lou Reed: alla Pale Blue Eyes e alla Candy Says, per capirci.

E non sfugge all’amabile “vizio” Dean Wareham, disco del debutto solista prodotto da Jim James dei My Morning Jacket con 8 tracce originali + la rivisitazione di Heartless People del cantautore folk Michael Holland. Con l’inconfondibile voce in bilico fra Neil Young e Lou Reed, Dean esordisce nel miglior modo possibile con l’orecchiabilissima educazione ritmica di The Dancer Disappears per poi pizzicare attimi “westcoastiani” con Beat The Devil e My Eyes Are Blue; addentare la polpa della purezza acustica e sfiorare la psichedelìa con Love Is Not A Roof Against The Rain; farsi ancor più “velvettiano” (Babes In The Wood) e citare persino gli U2 di With Or Without You con Happy & Free. A sorpresa, il rock viene colto al volo con Holding Pattern, ma in modo particolare con I Can Only Give It All. Moderatamente, però.

www.soniccathedral.co.uk

www.deanwareham.com


 

stampa

coolmag