Coolmag - music

Somethin' Else
Cannonball Adderley
Viva Cannonball
home - music




Cannonball Adderley - Somethin' Else (Blue Note)

di Cosimo Calogiuri

Umore: FRUSTRATO?

Ogni volta che ascolto questo disco, mi prende un senso di frustazione. È sempre la solita domanda, quella che mi pongo. E sono certo che anche Cannonball Adderley, lassù dal paradiso dei jazzisti (sezione Grandi Jazzisti), si chiede per quale strano motivo Kind Of Blue di Miles Davis sia stato insignito di ogni genere di premi (peraltro meritati), riconoscimenti e infinite ristampe, mentre Somethin' Else è pressochè finito nel dimenticatoio. Eppure il periodo d’incisione dei 2 dischi è ravvicinatissimo (Kind Of Blue: 1959, Somethin' Else: 1958), le atmosfere sono simili, la presenza di Miles (in stato di grazia) è continuativa in entrambe le incisioni, così come il devastante, struggente, malinconico suono del più grande sax contralto della storia del jazz: quello di Cannonball Adderley. Sì, lo so: state pensando alla scaletta di Kind Of Blue con So What, All Blues e le altre gemme che compongono l’ellepì jazzisticamente più famoso e venduto. Ma davvero credete che Autumn Leaves (versione latino/jazzata di Les feuilles mortes), Love For Sale di Cole Porter (dove i 2 mostri di bravura ricamano sublimi assoli) e la stessa Somethin' Else composta da Davis non possano reggere il confronto col celebratissimo disco?

Mettete Somethin’ Else alla prova. Ascoltate Hank Jones al piano e la favolosa sezione ritmica di Sam Jones (basso) e Art Blakey (batteria). Scoprirete che tengono botta, e alla grande, a Bill Evans, Paul Chambers e Jimmy Cobb (rispettivamente pianista, bassista e batterista di Kind Of Blue). Lo so che i più smaliziati vorrebbero cogliermi in fallo ricordandomi che in Kind Of Blue c’è John Coltrane al sax tenore. Ma ciò non sminuisce la grandezza di Somethin' Else. L’assenza di Trane, infatti, gioca paradossalmente a favore del disco. Immaginiamo che Cannonball abbia pensato: "Anche così siamo a posto". Bene. Ha avuto ragione. Quindi, cari amici, procuratevi questo capolavoro, ascoltatelo con attenzione a tarda sera (orario consigliato) ma soprattutto, quando lo riporrete nella vostra discoteca, riservategli un posto il più possibile vicino a Kind Of Blue. Dopodichè rivolgete un'occhiata al cielo, e se per caso vedete una stella più scintillante di tutte le altre sappiate che è il vecchio “palla di cannone” che vi ringrazia. Finalmente in pace.  

www.bluenote.com

www.cannonball-adderley.com

stampa

coolmag