Coolmag - music

Hombre Lobo
Mr E
Beautiful Freak
home - music




Eels - Hombre Lobo: 12 Songs Of Desire (Vagrant/Spin-Go!)

di Luca Scotto di Carlo

Umore: DIVERSO MA UGUALE

Gli Eels non sono una band. Sono una persona che si chiama Mark Oliver Everett, in arte Mr E. Prima di fondare gli Eels, Mr E pubblica 2 dischi a suo nome (nulla di sconvolgente, ma molto gradevoli) che già fanno intravedere dove sarebbe andato a parare. A questo punto, quando decide di dar vita al suo nuovo gruppo, rilascia una fra le dichiarazioni più belle della storia del rock contemporaneo. «Ho scelto il nome Eels per fare in modo che chi entra nei negozi di dischi, sullo scaffale possa trovare i miei Cd come E vicino a quelli degli Eels, per puro ordine alfabetico. Ma non avevo considerato quanti albums avessero fatto gli Earth, Wind & Fire». Ecco, questo è lo spirito con cui vanno ascoltati i dischi degli Eels. Tutti diversi fra loro, ma tutti uguali, a partire dal primo datato 1996: Beautiful Freak. Ascoltarli, è un po’ come sentirsi a casa. E Hombre Lobo: 12 Songs Of Desire non fa eccezione, alternando pezzi più elettrici a ballate in un costante ma coerente sdoppiamento di personalità che ci spiega in parte il titolo (Hombre Lobo: Uomo Lupo), di giorno in un modo, di notte in un altro.

La cosa che più salta all’occhio è il lungo barbone alla ZZTop che Mr E sfoggia sulla copertina e nel video di Prizefighter, intrigante singolo e brano d’apertura. Come da sua ammissione, Hombre Lobo trae ispirazione da un pezzo di un'altra incisione degli Eels, Souljacker (2001), intitolato Dog Faced Boy: una figura che il cantautore ha voluto riprendere in questa occasione. Sono 12 le canzoni, musicalmente curate (anche quelle dal sapore finto-sporco”) e precise nei testi, senza sbavature o esagerazioni. Ma come si diceva, tutto il disco si muove su 2 tonalità: il rock di Lilac Breeze e Tremendous Dynamite; e le ballate “marchio di fabbrica” del signor E, come In My Dreams e The Longing, fra i momenti più alti dal punto di vista compositivo. Ma tutta la “tracklist” merita una menzione d’onore: Prizefighter, That Look You Give That Guy, Lilac Breeze, In My Dreams, Tremendous Dynamite, The Longing, Fresh Blood, That's A Fella Gotta Do, My Timing Is Off, All The Beautiful Things, Beginner's Luck, Ordinary Man. Se vi piace Beck come piace al sottoscritto, amerete anche Mr E e il nuovo lavoro dei suoi Eels, formazione dove musicisti sempre diversi suonano brani che si assomigliano. Dove l’emozione del loro primo pezzo in assoluto, Novocaine For The Soul (ripescatevi il video), si perpetua felicemente a distanza di oltre 10 anni. Grazie, Mr E. A volte, una lettera vale più di 1.000 parole.

www.spin-go.it

www.eelstheband.com


stampa

coolmag