Coolmag - music

D'improvviso cd
Rosalia De Souza
Garota Moderna Cd
home - music




Rosalia De Souza - D'improvviso (Schema/Family Affair)

di Peppo Delconte

Umore: CARIOCA

Il percorso artistico di Rosalia De Souza è tutto tracciato sotto le stelle d’Italia. Sbarcata giovanissima (nell’88) a Roma, frequenta la Scuola Popolare di Musica del Testaccio, poi si permette esperienze nell’acid jazz (come voce del Quintetto X) e nella lounge music (Montefiori Cocktail). Ma sono le sue caratteristiche di cantante originaria di Rio De Janeiro a portarla in giro per il mondo e a imporla come interprete della classica musica carioca, quella di Joao e Astrud Gilberto, seppure leggermente aggiornata. In questa delicata operazione di “restyling”, ha contato parecchio la permanenza di Rosalia in Italia e il continuo rapportarsi con parecchi nostri jazzisti. Che a loro volta hanno mostrato sempre più spesso l’interesse per i ritmi brasiliani e la loro voglia di fertili contaminazioni. Perciò non sorprende che alla realizzazione di questo Cd (il terzo dopo Garota Moderna del 2001 e Brasil Precisa Balançar del 2006) abbiano partecipato musicisti del calibro di Fabrizio Bosso (tromba), Max Ionata (sax tenore), Gianfranco Marchesi (trombone), Pietro Ciancaglini (basso), Luca Mannutza (piano), oltre un manipolo di percussionisti, indispensabili per rendere i colori vivaci dei ritmi carioca.

La brava De Souza dimostra di essere ormai un’interprete raffinata e matura, sensuale ed elegante, a suo perfetto agio con il repertorio scelto: quasi tutte canzoni poco note, ma perfettamente inserite nella tradizione brasiliana. Solo un brano, Carolina Carol Bela, è firmato da 2 pezzi da novanta (Jorge Ben e Toquinho). Fra i più inconsueti, spiccano invece l’impegnato Opiniao di Ze Keti e l’africaneggiante Candomblè. Un unico autore ha firmato ben 4 canzoni: Tomas Di Cunto (in arte Toco), che qua e là partecipa anche come seconda voce. Tuttavia è l’atmosfera complessiva, il clima felice che pervade l’intera sequenza dei 14 pezzi, la sorpresa più bella. E qui, accanto ai meriti della vocalist e dei musicisti, vanno ricordati gli arrangiamenti di Mannutza e le indiscutibili capacità di Luciano Cantone, co-fondatore dell’etichetta Schema e produttore artistico, già responsabile del pluripremiato Handful Of Soul di Mario Biondi.

www.family-affair.it

stampa

coolmag