Coolmag - music

Twentyfive
George Michael
Wham!
home - music




George Michael - Twentyfive (Sony Bmg)

di Antonio Rizzi

Yog”, come lo chiamano gli amici più intimi, festeggia con Twentyfive 25 anni di carriera. Doppio Dvd e doppio Cd con 29 brani. S’intitolano For Living e For Loving: in edizione limitata, con l’aggiunta di un terzo compact disc, For The Loyal, dedicato ai fans più fedeli, per un totale di 44 canzoni e 40 video. Ci sono quasi tutti i successi: dall'epoca Wham! (con Andrew Ridgeley, “licenziato” dal vivo il 28 giugno 1986 con tangibile testimonianza nell’album The Final) a oggi, con qualche brano inedito. Da un po' di tempo a questa parte, purtroppo, di George Michael si parla tirando spesso e volentieri in ballo la vita privata: del fatto che sia gay e che “rimorchi” camionisti alle toilettes, che fumi marijuana e alzi un po’ il gomito… E se il buon George fosse stato casto, puro, timorato? Ovvio: quelli così, ammesso che esistano, non fanno notizia. In un’intervista alla tv inglese dichiarò: «Se bevessi tanto come fumo, mio dio!, sembrerei Keith Richards!». Dopodichè, a ognuno la scelta di esprimere un giudizio sulle sue affermazioni e (eventualmente) sul suo privato.

Le cose che ci lasciano perplessi, casomai, sono altre. Come mai un artista da più di 80 milioni di dischi venduti, capace di riempire gli stadi per una settimana di fila con un tour dai costi esorbitanti (15 milioni di sterline), dotato di una voce che potrebbe cantare qualunque cosa, ci propina l’ennesimo “best”? Quali sono le ragioni che spingono una star a pubblicare “il meglio del meglio”? Un abile sunto della vita musicale (ma con Twentyfive siamo già a quota 3)? Poche idee per concretizzare nuove canzoni? Può capitare, nessuno lo mette in dubbio: l’ultimo disco di inediti risale a Patience, marzo 2004. O ancora: capita di realizzare una raccolta di hits per onorare l’ultimo disco dovuto alla casa discografica prima di rescindere il contratto. Nell’attesa di conoscere la verità, non perdetevi i 4 pezzi inediti: An Easier Affair, in perfetto stile “fashion/rétro”, come quando si andava in discoteca per ballare ma soprattutto ascoltare vera musica dance; This Is Not A Real Love, ballad accessoriata dalla bella voce di Mutya, ex Sugarbabes; Heal The Pain, interpretata con Paul McCartney nonché inusuale versione di un brano inciso nel ’91 che si rivelò un flop; Understand, incluso solo nel cofanetto triplo: potenza del marketing! Per quelli che invece non riescono a evocare con la memoria tutti i video di Georgios Kyriacos Panayiotou (all’anagrafe), il doppio Dvd raccoglie per la prima volta 40 filmati. Si va da Club Tropicana a Wake Me Up Before You Go-Go degli Wham!, sino a Careless Whisper, successo planetario scritto a bordo di un autobus mentre il bel greco Yog si recava in un ristorante per lavorarvi come cameriere. E ancora: I Knew You Were Waiting (For Me) con Aretha Franklin e Don't Let The Sun Go Down On Me in compagnia di Elton John. Senza dimenticare il memorabile cartone animato di Shoot The Dog, politicamente scorrettissimo verso Bush e Blair.

www.georgemichael.com
www.sonybmg.it

stampa

coolmag