Coolmag - music

Empire
Kasabian
Primo Cd
home - music




Kasabian - Empire (Sony Bmg)

di Stefano Bianchi

Justin Timberlake? Un nano che si finge nero. Pete Doherty? Null’altro che un tossico. Gli Strokes? Se ne può fare tranquillamente a meno. Parole in libertà (pilotata, ad abuso dei media) firmate Kasabian e “in primis” pronunciate dal vocalist Tom Meighan e dal chitarrista Sergio Pizzorno. Cioè i nuovi fratelli Gallagher, anche se fratelli non sono. Sbattuti in prima pagina nel 2004, forti del notevole esordio con l'album Kasabian, i 4 di Leicester si sono sostituiti agli Oasis a colpi di veleno di lingue e chitarre. Come per i Gallagher, è-tutto-sbagliato-è-tutto-da-rifare. Ma se gli Oasis combattevano un sol nemico (Blur), i Kasabian si scagliano contro il rock “in toto”. Se una volta c’era il Britpop ad infiammare l’Inghilterra, oggi in ballo c’è la loro musica epicizzante e marziale vissuta in coabitazione con Franz Ferdinand, Kaiser Chiefs e Maxïmo Park. Finchè insulto non li separi.

Liberamente ispirata a Linda Kasabian, seguace della setta stragista di Charles Manson, la band sostiene di aver realizzato con Empire un “classico” paragonabile a Definitely Maybe degli Oasis. Spocchia a parte, non si può dar loro torto: le 11 tracce del Cd, nel continuo accavallarsi d’elettronica, elettricità psichedelica e sinfonie orchestrate da musicisti raï, coglie spesso e volentieri nel segno. Ad esempio nel brano che intitola il disco, decadente come gli Stranglers dei tempi d'oro, o nel lapalissiano glam rock alla T. Rex che sottolinea Shoot The Runner. E ancora: nel dandysmo favolistico alla Pulp di Last Trip (In Flight), nel Kinks-style di Me Plus One, nelle ricerche etno/elettroniche di By My Side, nelle claustrofobiche scansioni di Stuntman. Oltretutto, e sopra tutto, c’è una coppia di canzoni che spalanca ai Kasabian possibili scenari per nuove, epiche imprese: British Legion, l’unico “lento” che paga pegno ai Beatles, e la conclusiva The Doberman che lievita, orientalizzandosi, per lasciarci nelle orecchie un retrogusto “morriconiano”.

www.kasabian.co.uk
www.sonybmg.it

stampa

coolmag