Coolmag - food

falerio
falerio etichetta
calice vino
home - food




Vino bianco dal Piceno

di Redazione

Il Falerio dei Colli Ascolani (bianco DOC della Tenuta Cocci Grifoni di San Savino di Ripatransone), è una delle più autentiche espressioni dell’enologia picena. Un vino fresco e accattivante ottenuto vinificando Pecorino, Passerina, Verdicchio e Trebbiano Toscano. Come gli altri prodotti dell’azienda, anche questo bianco è frutto del progetto di lunga data legato alla valorizzazione del territorio messo in atto dal patron marchigiano, Guido Cocci Grifoni. Il nome di questo vino risale all’epoca romana e si ispira all’antico centro Falerio Picenus che attualmente corrisponde all’area del comune di Falerone.

L’esame sensoriale, visivamente, evidenzia un colore giallo paglierino tenue. Il profumo è fresco di pomacee verdi e fiori pallidi (biancospino, acacia, pesco). Il gusto, al primo incontro, è morbido e volge progressivamente al secco, esaltato da un’acidità fresca e stimolante, in equilibrio con gli alcoli. L’insieme olfattivo-saporifico-tattile si rarefà soavemente tra sottili e gradevoli percezioni pseudo-dolci e amare. Il Falerio dei Colli Ascolani, ottimo come aperitivo, va abbinato a molluschi, crostacei, antipasti a base di pesce e con le classiche olive all’ascolana. Per le sue caratteristiche, va consumato entro il primo anno di vita. La temperatura ideale di servizio è di 8°-10° C.

Tenuta Cocci Grifoni, Contrada Messieri 12, San Savino di Ripatransone (AP)
tel. 073590143

Il calice per la degustazione


Armonioso e leggero, il calice Bianchi Barrique di RCR è lo strumento ideale per degustare pregiati vini bianchi. Garantisce la migliore ossigenazione per apprezzare tutte le caratteristiche di gusto e profumo. Attraverso la purezza del cristallo, consente una perfetta visibilità della scala cromatica.

tel. 0577910111

Cuciniamo le acciughette all’ammiraglia

Dosi per 4/6 persone: 600 grammi di acciughe, 4 limoni, olio d’oliva, sale, pepe, origano (facoltativo). Preparazione: pulire bene le acciughe fresche diliscandole internamente, levando testa e coda, dividendole a filetti. Lavare i filetti in acqua fredda e asciugarli, disporli su un piatto di portata. Coprire totalmente le acciughe con abbondante succo di limone filtrato e lasciar riposare 12 ore. Al momento di servire, battere in una tazzina olio, pepe e poco sale, irrorare le acciughe e portare in tavola. A piacere, si può completare la ricetta con una spolverata di origano fresco.


Foto: Tenuta Cocci Grifoni
Calp/RCR

stampa

coolmag