Coolmag - food

Guido Gobino prodotti
Chontalpa
Bottega Guido Gobino
home - food




Guido Gobino, Cioccolato Artigianale

di Eleonora Tarantino

Tutta colpa del Giandujotto? Assolutamente sì! Giuseppe Gobino, esperto fin dagli Anni ’50 nella raffinazione del cacao, avvia nel 1980 a Torino il laboratorio di produzione e la sede storica dell’azienda privilegiando il Giandujotto, la mitica crema Gianduja da spalmare e il cioccolato con nocciola. La tradizione di famiglia si rinnova nei primi Anni ‘90 con il figlio Guido Gobino, che inventa nuovi prodotti e dà vita al progetto Laboratorio Artigianale del Giandujotto per creare col metodo dell’estrusione il Giandujotto classico, il Giandujottino Tourinot® (con il latte a renderlo dolce e avvolgente, nonché le note caramellate e tostate della Nocciola Piemonte IGP a esaltarne il gusto), il Tourinot Maximo® (ricetta storica senza latte, gusto più intenso, carattere forte e deciso) e altre specialità. Meritati i riconoscimenti ottenuti da Gobino, che fra l’altro per l’Istituto Internazionale Chocolier (www.chocolier.org) organizza con Gianluca Franzoni dell’azienda Domori il Corso Chocolier Assaggiatore. Nel 2008 vanta la “miglior pralina del mondo” secondo l’Academy Of Chocolate di Londra per il cremino al sale marino integrale e olio extravergine d’oliva. Dal 2009 al 2011, la Compagnia del Cioccolato assegna la Tavoletta d’Oro per le praline con la ganache tè verde al gelsomino decorata con polvere di tè matcha, la crema Gianduja e il Giandujone al taglio.

Se amate il “cibo degli dei”, è goduriosissimo scoprire cremini, ganaches, cialdine, creme spalmabili… Ecco qualche golosa specialità della casa: il Foglio Nocciolato con le Nocciole Piemonte IGP, selezionate e tostate, ricoperte da una ricca colata di cioccolato a scelta fra gianduja, extra bitter blend 63%, latte finissimo 35%, bianco, latte e riso soffiato, bianco e menta con pezzi di ginger thailandese candito. Ma se siete ancora più golosi, scegliete il Bilingue Sweet dal guscio sottile di cioccolato al latte finissimo e dal ripieno morbido di crema cacao. E la Chontalpa? È l’irresistibile scatola degustazione tripartita composta da fave di cacao ricoperte di cioccolato fondente 63%, zollette di zucchero di canna, cialdine extra bitter monorigine assortite 63-70-80%, prodotte interamente con il cacao della regione Chontalpa, nel Tabasco, in Messico. Un’esperienza sensoriale da non perdere, è invece HazelShock®: risultato stupefacente di una tecnica di lavorazione innovativa. Si tratta di soffice polvere di nocciola che non si mastica né si deglutisce (svanisce al calore della bocca), ma che lascia intatto il gusto intenso della Nocciola Piemonte IGP. Guido Gobino, insomma, non pone limiti alla fantasia. Lo sanno bene i “chocaholics” compulsivi, ma anche i “gourmands” meditativi.

Le Botteghe di Guido Gobino

via Lagrange 1, Torino
tel. 0115660707
 
corso Garibaldi 39, Milano
tel. 0289096601
 
www.guidogobino.it

Foto: Eleonora Tarantino 2016
Guido Gobino
 

stampa

coolmag