Coolmag - food

Yoji Tokuyoshi
Ristorante Tokuyoshi
Cemento e Terra
home - food




Ristorante Tokuyoshi

di Francesca Corradi

Il giapponese Yoji Tokuyoshi, già “sous-chef” di Massimo Bottura all’Osteria Francescana di Modena, ha aperto a Milano il suo ristorante dopo aver rilevato il Wicky’s. Pareti verde scuro, lampadari dalle linee geometriche e giochi di luci che creano una rilassante atmosfera fanno del Tokuyoshi un luogo particolarmente “cool”. Pochi i coperti (40) così come i tavoli, a dominare è il lungo bancone in legno che offre agli ospiti più curiosi l'opportunità di seguire l’arte dell’impiattamento di ogni portata, servita in incantevoli e particolari stoviglie fatte arrivare dal Giappone.

Yoji, che tradizione famigliare avrebbe voluto farmacista, è approdato in Italia a 27 anni e si è subito innamorato dei nostri sapori. Tant’è che il suo non è il solito ristorante “fusion” a base di ramen o sushi, ma una “cucina italiana contaminata” dove le tagliatelle fresche emiliane o il tortello di zucca e amaretto convivono con piatti antitetici come il finto spaghetto di patata (con salsa ottenuta dalla sua buccia, cozze e tartufo) e il finto risotto allo zafferano, in realtà sedano rapa, mantecato senza burro con olio e amido di mais. Sconvolgente, poi, è il dessert Cemento e Terra presentato su un piatto color rosa antico con “lastre” di meringa grigio scure da rompere “per scavare nella terra”, i cui elementi sono gelato alla radice topinambur, funghi, mascarpone alle erbe, crumble di biscotti salati al cacao e mandorle. Il menù, con pochi piatti alla carta, propone 2 percorsi a mano libera: Sensazione (€ 80) e Vegetariano (€ 60), che vengono cambiati ogni 3 o 4 settimane per rispettare la stagionalità degli ingredienti e la gran voglia di sperimentare del “nippo-chef”.
 
Ristorante Tokuyoshi
via San Calocero 3, Milano
tel. 3337987881

www.ristorantetokuyoshi.com

Foto: Ristorante Tokuyoshi

stampa

coolmag