Coolmag - food

Schiacciata 1
Schiacciata 2
Stenterello
home - food




i’cché c’è di bono oggi? Schiacciata alla fiorentina

di Gabriele Paoli

Carnevale deriva dal latino "carnem levare" ("eliminare la carne"), poiché nell’antichità indicava il banchetto che si teneva l'ultimo giorno (martedì grasso) subito prima del periodo d’astinenza e digiuno della Quaresima. A Firenze, nel XV° e XVI° secolo i Medici organizzarono grandi mascherate su carri chiamati "trionfi", accompagnate da canti carnascialeschi: canzoni da ballo di cui anche Lorenzo il Magnifico fu autore. Nel XVIII° secolo, l’attore fiorentino Luigi Del Buono (creatore di brillanti commedie popolari) ideò Stenterello, maschera tradizionale conosciuta come l'unica del Carnevale fiorentino. Dato che questa ricorrenza è sempre scandita da baccanali e grandi feste, in tavola non può mancare una torta molto speciale: la schiacciata alla fiorentina. Bianca e oro, soffice e profumata, una volta prendeva il nome di stiacciata unta per l’utilizzo dello strutto e dei “siccioli”. Viene servita non in fette a spicchio ma in piccoli rettangoli, poiché la teglia per cuocerla deve essere rettangolare.

Ingredienti:
 
250 gr. di farina bianca 00
80 gr. di zucchero
80 gr. di strutto di maiale
15 gr. di lievito di birra
1 uovo
1 arancia
1 bustina di vanillina (0,5 gr.)
Noce moscata
Zafferano
Sale
Zucchero a velo


Mettete la farina in una zuppiera, aggiungete il lievito sciolto in poca acqua tiepida e mescolate bene col cucchiaio in modo da ottenere un impasto abbastanza consistente. Lasciate risposare coprendolo con un tovagliolo per circa 1 ora. Quando la pasta sarà lievitata aggiungete l’uovo, circa 70 gr. di strutto, lo zucchero, la vanillina, 1 punta di zafferano, la scorza d‘arancia grattata, 1 pizzico di noce moscata e di sale. Mescolate energicamente con un movimento rotatorio dall’alto al basso per almeno 10 minuti. Versate l’impasto in 1 teglia rettangolare unta con il restante strutto, scegliendola di dimensioni tali che la schiacciata risulti spessa 2 cm. circa. Lasciate riposare per altre 2 ore coprendo la teglia con un tovagliolo e quindi cuocete in forno già caldo (150°) per circa ½ ora. Una volta raffreddata, la schiacciata andrà completamente imbiancata con zucchero a velo.




stampa

coolmag