Coolmag - food

Etichetta Brunello
Brunello di Montalcino
Sandro Chia
home - food




Il Brunello di Sandro Chia

di Matteo Castelnuovo

C’è un castello, sulla sommità delle tondeggianti colline senesi, dove viene prodotto il miglior vino al mondo: il Brunello di Montalcino Riserva 2004 del Castello Romitorio, rosso al “top” secondo l’International Wine Challenge di Londra. Un risultato straordinario per la cantina di proprietà del pittore e scultore fiorentino Sandro Chia, negli Anni ‘80 esponente della Transavanguardia con Mimmo Paladino, Enzo Cucchi, Nicola De Maria e Francesco Clemente, e dall’84 viticoltore d’eccezione col suo primo vino: il Romito del Romitorio. Un memorabilesorpasso” di ben 10.000 etichette, fra cui quelle di vini francesi più blasonati.

Questo nettare dalle superlative caratteristiche, frutto di temperature e di precipitazioni equilibrate che si combinano con la fecondità del suolo toscano, si presenta con un colore profondo e intenso. L’aroma, che sprigiona un delicato e seducente connubio di prugna matura, bacca e fiori essiccati, si offre al palato con piacevoli note di liquirizia, chiodi di garofano e vaniglia per poi aprirsi in un gusto corposo, con notevoli tannini, completato da una lunga nota finale. Ma ciò che distingue questa bottiglia di valore, è anche l’opera d’arte che porta con sé: un dipinto, impresso sull’etichetta, che testimonia la grande passione creativa di Chia: siano opere d’arte di pennello, oppure d’uva. Un mix di assoluta eccellenza, dunque, capace di rispecchiare al meglio la filosofia del Romitorio: che anche all’interno del castello, accanto a botti e a barriques, ospita monumentali sculture e vestigia archeologiche. Ma la bellezza, si sa, è un elemento imprescindibile per chi raggiunge la perfezione vinicola.

Azienda Agricola Castello Romitorio
Località Romitorio, 279, Montalcino (SI)
tel. 0577847212


www.castelloromitorio.com

Foto: Azienda Agricola Castello Romitorio

stampa

coolmag