Coolmag - food

Aperol poster
Aperol Spritz
Aperol Sour
home - food




Ah, Aperol!

di Redazione

Ci credete se vi dico che arriva dal Veneto, era già di moda negli Anni ‘50, nei ‘60 l’hanno lanciato in tivù su Carosello - con l’attore Tino Buazzelli che faceva da "testimonial" esclamando “Ah, Aperol!” - e che oggi come Spritz (nella sua regione e solo durante l’aperitivo) ne consumano più di 1000 al minuto, dai diciottenni agli over 40? Credeteci! Provate a pensare all’intramontabilità di Aperol, perché è di questo straordinario aperitivo italiano che vi voglio parlare. Aperol nasce nel 1919 alla Fiera Internazionale di Padova, creato dai Fratelli Barbieri. Leggero (11 gradi), ma con un gusto ricco determinato dall’infusione di erbe dolci e amare con agrumi e frutta (la ricetta originale è tutt’ora segreta), Aperol è il liquore più venduto in Italia e continua ad avere un forte “appeal” sia nazionale sia internazionale. Perché è un liquore solare, pieno di vitalità e dal gusto inimitabile, dolce-amaro, dei suoi ingredienti: china, rabarbaro, genziana, arancio dolce, arancio amaro.
 
Virtù che hanno fatto innamorare perfino mio zio, che una domenica di settembre, arrivato da New York, è andato a visitare la superba Peggy Guggenheim Collection e fra un’opera di Pollock, un Magritte e un Kandinsky, gli è stato offerto il noto Aperol Spritz ed è stato come ritrovare un caro amico. Come quando, a Boston, io stessa ho avuto il piacere di degustarlo in hotel rigorosamente “on the rocks”; per non dire dell’Aperol Sour, quella volta, nel Village newyorkese, e della scoperta dell’Aperò Red Bull a una festa della “movidamilanese. Col tempo, il rituale di quest’aperitivo si è diffuso dal Veneto al resto d’Italia, arricchito dalle molte varietà di Spritz: una su tutte, la più richiesta e consumata, in compagnia del Prosecco. Penso a quante generazioni si sono affezionate all’Aperol; a quante persone ricordano i suoi spot pubblicitari che si sono via via modernizzati; a quanti ne riconoscono il sapore. Non so voi… ma io bevo Aperol!
 
Aperol Spritz (alcolico)

Ingredienti: Prosecco 8/10, Aperol 2/10

Altro: 2 spruzzi di seltz

Preparazione: calice da cocktail

Decorazione: fetta d’arancia

Aperol Sour (semi-alcolico)

Ingredienti: Aperol 6/10, Sweet Sour 4/10

Altro: 1 cucchiaino di zucchero

Preparazione: shaker

Decorazione: fetta d’arancia

Bicchiere: coppetta da cocktail

Aperò Red Bull (semi-alcolico)

Ingredienti: Aperol 3/10, Red Bull 7/10

Preparazione: bicchiere Tumbler

Decorazione: scorza d’arancia

www.aperol.it

www.camparigroup.it

Foto: Campari Group















stampa

coolmag