Coolmag - food

Stephen Twining
Earl Grey Tea
Earl Grey ambientato
home - food




Il tè secondo Stephen Twining

di Valentina Puggioni/Cohn & Wolfe

Stephen Twining, discendente di decima generazione dell’illustre famiglia produttrice di , nato a Chorleywood, nell'Hertfordshire, è un vero e proprio ambasciatore della cultura del tè inglese nel mondo. Ecco i suoi preziosi consigli.

Quali sono gli elementi indispensabili per preparare un’ottima tazza di tè?

«Prima di tutto, è necessario usare solo tè d’altissima qualità e ben conservato. Il tè è estremamente delicato e va quindi riposto in un luogo asciutto, al riparo da profumi che possano alterarne l’aroma. Altro elemento fondamentale è l’acqua, che deve essere sempre fresca. Scaldarla più volte è sconsigliato, perché contiene meno ossigeno e rischia di trasmettere un gusto opaco e stantìo al tè».

Come si prepara l’autentico tè inglese?

«È un’operazione tutt’altro che banale. Ci sono piccoli accorgimenti per esaltare al massimo il gusto del vero tè inglese. Il tempo di ebollizione dell’acqua, varia a seconda della tipologia: per i tè neri, ad esempio, è sufficiente un leggero bollore; per i verdi, è opportuno far raffreddare l’acqua qualche minuto dopo aver raggiunto l’ebollizione. Il tempo d’infusione è un passaggio decisivo: per questo motivo abbiamo indicato su ogni confezione il tempo più adatto per ogni tipologia di tè».
Quanto se ne deve utilizzare?

«Di solito una bustina per ogni persona, più una bustina per la teiera. Nel caso si utilizzi tè sfuso disponibile in latta, ad ogni bustina corrisponde un cucchiaino».

Come bisogna servirlo?

«Utilizzando preferibilmente una teiera di porcellana o di ceramica. Mai di metallo, per non alterare il sapore del tè. Prima di versarlo, è bene mescolare. Tradizione insegna di girare la teiera 3 volte da un lato e 3 dall’altro. La teiera o la tazza devono essere leggermente scaldate per mantenere invariata la temperatura una volta versato il tè. In base al proprio gusto, si può aggiungere latte, limone o zucchero. Personalmente preferisco il tè senza zucchero».

Qual è il momento ideale della giornata per gustarlo?
«In realtà non esiste. Il tè è una bevanda fatta apposta per essere condivisa e diventare una buona occasione d’interazione sociale. Quindi, ogni momento della giornata può essere quello giusto. Io, ad esempio, bevo ben 9 tazze di tè al giorno e adoro farlo in compagnia degli amici chiacchierando di politica e di religione. Bere una tazza di tè, significa regalare a se stessi un momento rigenerante per il corpo e lo spirito, in linea con la sempre più crescente attenzione per il proprio benessere».

Qual è la sua miscela preferita?

«Difficile scegliere fra le oltre 200 referenze di tè Twining. Scelgo una miscela diversa per ogni momento della giornata, soprattutto in base allo stato d’animo. Però, considerandomi un amante della tradizione, ho un debole particolare per l’Earl Grey. È un tè nero, proveniente dalla Cina e aromatizzato al bergamotto. Il suo nome deriva dal Conte Grey, Primo Ministro Inglese nel XIX° secolo, che ottenne in dono la ricetta di questa miscela da un Mandarino Cinese in segno di gratitudine per avergli salvato la vita. L’Earl Grey è una delle referenze Twinings disponibili in latta, la cui grafica è stata di recente rinnovata».

www.twinings.it

Foto: Twinings

stampa

coolmag