Coolmag - food

Villa Zarri Tabacco
Zarri Gold
Alambicco Charentais
home - food




Il brandy? Raffinato come un sigaro

di Paolo Scarpellini

Drinking Tobacco. Hanno soprannominato affettuosamente così la loro ultima creatura: un brandy di 18 anni, addizionato di un'infusione del tutto particolare, ottenuta dalle stesse foglie di tabacco Kentucky con cui vengono preparati i sigari toscani. Risultato? Un "sigaro da bere" insolito e raffinato: ideale compagno per serate di meditazione tra fumo e alcol, meglio se con un sigaro "vero" fra le labbra. Chi sono i benemeriti di tale orgasmatico connubio? Guido e Alessandra Fini Zarri, titolari di una piccola ma grande realtà come Villa Zarri: marchio bolognese che in una manciata di anni è riuscito a conquistarsi i palati e i favori dei buongustai non solo italiani (compresi i “sommeliers” dei migliori alberghi e ristoranti), diventando a furor di popolo la migliore etichetta di brandymade in Italy”.

Tutto grazie a una qualità assolutamente superiore e naturale (cioè senza l'aggiunta di aromatizzanti, additivi o coloranti), frutto di un attento disciplinare produttivo ispirato a quello del cognac francese, rispettato grazie al metodo discontinuo in alambicco Charentais. Merito anche della rigorosa selezione di vino Trebbiano romagnolo e toscano, come pure dell'invecchiamento in botticelle di rovere provenienti dalle foreste dell'Allier e del Limousin. Se il brandy 18 anni (con e senza infusione di tabacco) è il fiore all'occhiello di Villa Zarri, non meno interessanti sono le altre proposte di questa piccola azienda a conduzione familiare, tutte reperibili nelle migliori enoteche: dalla Zarri Gold (millesimato 20 anni, con tanto di bottiglia serigrafata in oro), all'Acquavite di Chardonnay; dal Liquore Brandy e Caffè allo Cherry Brandy, al superbo e aromatico Nocino invecchiato 12 mesi.

www.villazarri.com

Foto: Villa Zarri


stampa

coolmag