Coolmag - food

Kitchen Commune
Landmarc
La Bottega Men¨
home - food




New York: da colazione a cena

di Stefano Boschetto

Un “long weekend” a Manhattan, è quanto di più eccitante ci si possa regalare. Un “hit & run” da vivere fino in fondo, sintonizzato sui ritmi frenetici di New York. Cominciando dall’hotel, il Bryant Park è fra gli indirizzi preferiti dalla moda e dalle “celebrities”. Ubicato in uno dei palazzi più vetusti della Big Apple - il Radiator Building del 1924 – sfoggia uno stile “minimal–chic” apprezzato dalla frizzante moltitudine di “fashion victims”. Dotato di ampi spazi per meetings e “special events” (come The Loft, open space di 1.100 metri quadri al 25° piano, con ampie vetrate sulla skyline di Manhattan) e di un centro fitness, il Bryant Park garantisce un “entertainment” completo col Cellar Bar e il ristoranteasian-styleKoi, dove in attesa del sempre freschissimo sushi c’è il Lychee Martini, variante del Martini Cocktail. Il modo migliore per iniziare la giornata newyorkese è il breakfast. E La Bottega vi fa partire col piede giusto. Situata nel Maritime Hotel, è molto Italia Anni ’50 sia nell’ambiente sia negli arredi: tavoli in legno, pale al soffitto, luci a palloncino. Alle bottiglie di Amaro Ramazzotti, Cynar, Campari e Punt & Mes allineate sugli scaffali intorno alla sala e sul bancone in legno e acciaio del bar, si alternano memorabilia come il manifesto di tesseramento al Partito Socialista Italiano del ‘52 e le insegne colorate in vetro dell’Amaretto di Saronno. La Bottega propone un ottimo “continental breakfast” a base di succo d’arancia, brioches e pane freschissimo, nonché un eccellente “american breakfast” con tanto di bruschetta con pomodorini. A pranzo e a cena, invece, la cucina sforna deliziose pizze cucinate nel forno a legna e servite su caratteristici taglieri, nonchè pasta e fagioli e rigatoni.

Dopo una mattinata devota allo shopping sulla Broadway, Canal Street e Soho, è tempo di un veloce lunch. Potete consumare in piedi un eccellente “roll sandwich” da Dean & DeLuca, “gourmet spots” fra i più noti a Manhattan, o accomodarvi da Kitchen Commune, ristorante/bar in stile Old America con il lungo bancone e l’originale lampadario con mestoli d’acciaio. Qui potete gustare insalate, crêpes dolci e salate, “roll-up sandwiches” e gli immancabili hamburgers imbottiti nell’italianissimo “ciabatta bread”. Per cena, c’è solo l’imbarazzo della scelta: dalla cucina asiatica a quella Thai (molto trendy Kittichai, al 60 di Thompson Street, nel cuore del Village), fino al “contemporary bistro” che associa piatti franco/italiani al più corposo menù della steakhouse. Il modaiolo Landmarc, a Tribeca, suddiviso su 2 piani, propone un accattivamente menù che passa con disinvoltura dall’Italia (linguine alle vongole, risotto ai gamberetti), alla Francia (foie gras, profiterolles tiepidi al formaggio di capra) e piatti “american style”: imperdibili le “steaks” e i calamari fritti con salsa piccante. In attesa che si liberi un tavolo, il bar a pianterreno offre vini e cocktails a volontà. In generale, per prenotare un pranzo o una cena, vi consigliamo www.opentable.com : dopo esservi iscritti, potete decidere giorno e ora da trascorrere nel ristorante preferito. Seguirà conferma via e-mail. E dopo il weekend, per raggiungere l’aereo che vi riporterà in Italia, concedetevi un’auto con autista anziché il classico “yellow cab”. Il servizio offerto da Magic Limousine (www.magiclimousine.com/services.html ) è affidabile ed efficiente.

The Bryant Park Hotel, 40 West 40th Street
tel. 001-212-8690100

www.bryantparkhotel.com

La Bottega, 363 West 16th Street
tel. 001-212-2424300

www.themaritimehotel.com/bottega.html

Kitchen Commune, 448 Broadway
tel. 001-212-6800140

www.kitchencommune.com

Dean and DeLuca, 560 Broadway
www.deandeluca.com

Landmarc, 179 West Broadway
tel. 001-212-3433883

www.landmarc-restaurant.com

Foto: Kitchen Commune/Stefano Boschetto 2007
Landmarc/Quentin Bacon
La Bottega/Stefano Boschetto 2007




stampa

coolmag