Coolmag - food

Capture
Room4Dessert
Will Goldfarb
home - food




Sweet Manhattan!

di Paolo Scarpellini

La Grande Mela? Sempre più dolce. Diciamolo, era ora: dopo gli exploits di panetterie e pasticcerie via via più ricche e golose, non poteva mancare l’inevitabile passo a seguire: il boom metropolitano di ristoranti dove il menù propone solo ed esclusivamente... dessert. Per di più rigorosamente ipocalorici. Avete capito bene: nessun piatto salato, né carne né pesce. Anche e soprattutto per questo si tratta di indirizzi modaioli dove i newyorkesi “sweet oriented” si mettono allegramente in fila all’ora di pranzo o di cena, ma anche per il tè pomeridiano, il brunch, l’aperitivo, il dopocinema. Il primo dessert bar in town è stato ChikaLicious, localino del Village che ha aperto la (dolce) strada proponendo sfiziosità come tartufo di zucca e caramello, sorbetto di miele e timo oppure risotto di frutta secca.

Il secondo a imporsi sulla difficile scena gastronomica cittadina si è anche rivelato il più vincente e affollato: l’elegantino Room4Dessert in zona NoLita. In questo lungo corridoio dalle luci soffuse dove ci si siede solo al bancone, lo chef-pasticciere Will Goldfarb vi fa scegliere (c’è anche un bel menù degustazione) le sue insolite specialità fra piatti-vassoi composti da più assaggi: il tutto maturato in anni d’esperienze al celebre Bulli di Ferran Adrià, da Tetsuya in Australia e in rinomati ristoranti di New York tipo Cru o Morimoto. Così, se vi accomodate sugli sgabelloni avvolti da una colonna sonora sempre azzeccata, vi ritroverete a degustare in bicchieri, piattini o ciotoline alcune fra le più sorprendenti “tapasweeties” (dolcezze simili per forma e dimensione alle tapas spagnole) della vostra vita: chutney di aglio, sorbet tatin, zucchero candito su meringa, gelato di lychees su gelatina di pompelmo, mousse al latte di mandorla, crema di zabaione con riduzione di cola, e così via. Già, ma cosa berci sopra? Il simpatico Will ha pensato anche a questo: tè aromatici o speziati, vini liquorosi, bollicine o i liquori che meglio si adattano a gelato, mousse piuttosto che cioccolato. Se invece cercate qualcosa di più esotico, fate pure un salto all’appena aperto Kyotofu, a pochi passi da Times Square: un bar-panetteria-takeaway giapponese dove vi attendono squisitezze orientaleggianti come cheesecake di tofu, budino di riso allo zenzero e tortino caldo di cioccolato ripieno di gelato al tè verde. Può essere più dolce la vita a Manhattan? Probabilmente no.

ChikaLicious, 203 East 10th Street, tra First e Second Avenue, New York
tel. 001-212-9959511
Prezzo medio: $ 20
www.chikalicious.com

Room4Dessert, 17 Cleveland Place, tra Kenmare e Spring Street, New York
tel. 001-212-9415405
Prezzo medio: $ 25

Kyotofu, 705 9th Avenue, New York
tel. 001-212-9746012
Prezzo medio: $ 15
www.kyotofu-nyc.com

Foto: Room4Dessert
Lo chef-pasticciere Will Goldfarb
© Paolo Scarpellini, 2006

stampa

coolmag