Coolmag - food

Boite a film Charlot
Paio scarpe Charlot
Lavorazione cioccolato
home - food




Le scarpe (al cioccolato) di Charlot

di Antonio Rizzi

Tutti, almeno una volta, abbiamo ammirato i suoi film. Ci siamo divertiti e commossi. Questo era Charlie Chaplin. In una delle sue pellicole, La febbre dell’oro, c’è una scena fra le più divertenti e al tempo stesso più amare: la cottura delle incredibili, grandi scarpe di Charlot. Ebbene, a più di 80 anni dall’uscita di quel capolavoro si celebrano le sue gesta (meglio: le sue orme) in una graziosa pasticceria di Vevey, nel cantone svizzero di Vaud, autentico paradiso per i cultori della cioccolata. Le scarpe di Charlot, fatte ovviamente di cioccolato con il 61% di cacao misto a nocciole e caramello, rappresentano l’omaggio di un grande “maître chocolatier”, Blaise Poyet, all’attore e regista Charlie Chaplin che non solo ha segnato un’epoca ma ha lasciato nella tranquilla cittadina sul lago di Lemano il ricordo della sua presenza costante, durata oltre 25 anni prima di morire il giorno di Natale del 1977.

La cura del prodotto in ogni dettaglio rende ancor più appetibile questa bontà, venduta in splendide confezioni che ricordano i contenitori delle pellicole che nel gergo cinematografico vengono chiamate “pizze”. Ma se preferite non esagerare con questa “gourmandise”, potete acquistare un solo “paio di scarpe” di gustoso cioccolato elegantemente confezionato e pronto per un regalo immediato. L’occasione potrà rivelarsi particolarmente ghiotta: infatti nel 2007, a Corsier Sur Vevey, verrà inaugurata la casa-museo dedicata a Chaplin: 24 stanze ristrutturate per accogliere il pubblico che non mancherà di apprezzare il luogo dove il grande artista trascorse l’esilio volontario dopo aver litigato con quasi tutta Hollywood.

Chaussures Charlie Chaplin: boîte a film, 32 franchi; 1 paio di scarpe, 6.50 franchi

Confiserie Poyet, rue du Théatre 8, Vevey
tel. 0041-21-9213737


www.confiseriepoyet.com
www.chaplinmuseum.com

Foto: Confiserie Poyet

stampa

coolmag