Coolmag - fashion&design

CoolMood
Mantella H&M
Mantella anna Rachele
home - fashion & design




Consigli di Stile: Mantelle & Cappe

di Gisella Zinelli Rignano

Cosa c’è di meglio di una mantella? A parte rievocare un “look” antico e romantico (la indossa Jane Eyre, quando nell’omonimo romanzo ottocentesco di Charlotte Brontë incontra Mr. Rochester nella radura), nonché gli eroi di cappa e spada, la toga dei patrizi, il bandito nel mantello nero, il mantello nero sul frac… è comodissima anche per le più giovani e di conseguenza (essendo l’ultima moda) è bellissima.
 
Dando uno sguardo alle mantelle portate in passerella dagli stilisti, balza subito all'occhio l'interpretazione dei marchi “low cost” come H&M, che ha pensato a un modello di cappa nera molto ampio senza collo, con altrettanto ampi spacchi davanti. Idem per Zara o le firme più “prestigiose” (Anna Rachele, Sarli, Vionnet, Biagiotti), dai materiali e colori più disparati, cachemire, lana bouclè (Nina Ricci), con bordi di pelo e rivisitati in chiave moderna, accompagnati da accessori “glamour”. Nata come abito da lavoro privo di maniche (si chiamava capperone bassomedievale) e non lontanissima dal poncho, ha attraversato tutte le epoche assumendo nomi diversi. Durante il Fascismo, venne considerata “anarchica” e quindi proibita. Oggi è l’ultimo “trend”. E se vi piace pensare a qualche “storia” sulla vostra nuova cappa, potete sempre pensare a San Martino.

www.hm.com/it

www.annarachele.it

Foto: H&M
Anna Rachele

stampa

coolmag