Coolmag - fashion&design

Magna Pars Suites
Presidential Suite
Prestige Suite
home - fashion & design




Magna Pars Suites

di Gianna Carrano - The Glancer

È nato a Milano il primo “hotel à parfum”. In zona Tortona, “must” del design e della moda, c’è una scatola di cristallo incastonata fra le vecchie case di ringhiera. La struttura, in vetro e acciaio, si accende di luce. Il legno, abilmente utilizzato in tutto il palazzo, diffonde il suo inconfondibile profumo. Il Magna Pars Suites, costruito sulle fondamenta della fabbrica di profumi ICR (le pareti irregolari intonacate di bianco, che ancora si intravedono e fanno da sfondo ai corrimani e alle balaustre di vetro e acciaio, ricordano le origini della costruzione), fa sperimentare l’unicità dei suoi ingredienti olfattivi: legni, fiori e un giardino nascosto al suo interno, realizzato con buongusto e senso estetico. L’hotel, unico nel suo genere, nasce dal progetto dell’architetto Luciano Maria Colombo che coniuga sostenibilità ambientale con alta tecnologia. Il legno, unito alla forza dell’acciaio e alla trasparenza del cristallo, ben si accorda con le più moderne tecnologie di domotica. L’amore per i profumi, l’arte e l’ospitalità, hanno consentito alla famiglia Martone di creare questa “location” affascinante, che incanta col suo passato di emozioni, talento, saper fare artigianale.

Le 28 “suites”, distribuite nei piani a seconda dell’altezza del’arbusto che rappresentano, sono state concepite con la stessa amorevole cura con cui si arreda la propria casa. Ognuna è caratterizzata da colori tenui, illuminazione raffinata, doghe in essenza di rovere spazzolato, divani e sedie in pelle, tavoli in vetro, una piccola libreria dedicata, quadri “neorinascimentali” dipinti dai giovani allievi dell’Accademia di Brera e ispirati agli elementi olfattivi che definiscono il nome e il carattere di ogni “suite”. 19 sono dedicate ad arbusti fioriti come gardenia, gelsomino, neroli e magnolia. 9 si ispirano a legni come vetiver, sandalo e patchouli. La Presidential Suite, ad esempio, è legata al legno di oud, albero del sud est asiatico che produce una resina aromatica da cui viene estratto un olio prezioso. Il legno di guaiaco sudamericano dà fragranza alla Prestige Suite 19, mentre la gardenia nobilita la Prestige Suite 20 e la pianta del neroli scandisce il profumo dell’Executive Suite 23. Silenziosa, elegante, discreta, una candela diffonde l’essenza aqua adornationis: profumazione legnosa acquatica fiorita che accompagna gli ospiti nella ritualità del bagno. Alla cultura internazionale è invece dedicata la Magna Pars Suite Library, con volumi databili dal 18° al 20° secolo che approcciano temi come architettura, musica, letteratura, manualistica scientifica, storia antica, arte primitiva, archeologia, carpenteria navale. Completano l’elegante atmosfera dell’hotel, la Open Lobby e la Balcony Hall che occupano uno spazio all’aperto con confortevoli divani; il Ristorante Da Noi, orchestrato dallo “chef” piemontese Fulvio Siccardi; il Lounge Bar Liquidambar (“ambra liquida”: incidendo queste piante sgorga lo storace, resina profumata che una volta posta su carboncini ardenti sviluppa un piacevole fumo aromatico), dove si servono eccellenti cocktails.

Magna Pars Suites
via Forcella 6, Milano
tel. 028338371


www.magnapars-suitesmilano.it

Foto: Presidential Suite
Prestige Suite
© Magna Pars Suites





stampa

coolmag