Coolmag - fashion&design

CoolMood
Libro I Love Swapping
I Love Shopping film
home - fashion & design




Consigli di Stile: I Love Swapping!

di Gisella Zinelli Rignano

Una volta, si diceva "scambisti" intendendo una cosa sola. Adesso, oltre a “quella cosa lì” ci si riferisce allo scambio della borsetta o del vestito. Colpa della crisi, naturalmente, che ha dato il via alla moda minimalperché il momento è difficile”; o a fiori e stravaganzeperché dobbiamo tirarci su”. Non a caso “swap”, termine utilizzato in finanza, consiste nello scambio di flussi di cassa fra 2 controparti che sono delle Società. In questo caso, le “società” sono signore e signorine che cercano qualcosa che possa loro piacere sbarazzandosi nel frattempo di capi o accessori che non vogliono più.

Perciò, quando vi parlano di “swap party” non pensate a cose erotiche bensì a un valido pretesto per rinnovare il vostro guardaroba. Anche questa tendenza (obviously) doveva essere “sciccosa”, e una metropoli come Milano non poteva certo lasciarsi sfuggire l’occasione dell’evento: un Atelier del Riciclo (altrimenti detto Swap Boutique) che avesse un domicilio conosciuto (via Casale 3/a) e facesse parlare di sé  i giornali. Figuratevi un po’ se la città più ricca d’Italia non era in grado di confezionare una moda promossa e frequentata da ricche signore che fanno della povertà, appunto, una moda. Il campo dello “swapping”, comunque, si è esteso: perfino un frullatore viene ormai scambiato con un puntaspilli kitsch. L’idea è fantastica e pure nobile, ma alla fine c’è una motivazione più forte di tutte: la scusa per socializzare.

La giornalista milanese Marina Martorana, ha scritto il libro I Love Swapping (Antonio Vallardi Editore, 144 pagine, € 12) che insegna le regole base del baratto trendy

www.swapstyle.com

www.iloveshopping.bo.it/swapclub


www.atelierdelriciclo.org
 

www.vallardi.it


Foto: Antonio Vallardi Editore
I Love Shopping movie

stampa

coolmag