Coolmag - fashion&design

CoolMood
Zoccolo Chanel
Zoccolo Ras
home - fashion & design




Consigli di Stile: Zoccoli o Clogs?

di Gisella Zinelli Rignano

All’inizio era il cavallo. Lo zoccolo, per intenderci. Quando lo si nominava, il pensiero andava al quadrupede; poi dal maniscalco, attraverso i secoli, siamo passati allo stilista. L’Enciclopedia descrive lo zoccolo come calzatura semplice e di facile realizzazione (in legnidolci” come pioppo e acero) diffusa in tutto il mondo. Per un’eternità è stato l'unico tipo di scarpa adatta a contadini, montanari e a tutte quelle fasce di popolazione che non potevano permettersi il lusso della calzatura in cuoio.

Dopodichè sono arrivati a far parte di alcuni costumi tradizionali (vedi olandesi), poi è arrivato il Dr. Scholl e tutto è cambiato. Tutt’altro che appagati dal trasfomismo, a un certo punto si sono chiamati sabot: negli Anni ’70, col contorno di pantaloni a zampa d’elefante, si sono rivelati un autentico simbolo generazionale. Oggi, tornano colorati con tacchi vertiginosi e borchie. Un brivido corre lungo la schiena delle signore "chic" della milanese via Spiga, che nei loro tubini neri e ballerine guardano terrorizzate le vetrine. Ma non c’è niente da fare, è già tutto deciso: scomodità garantita, slogatura assicurata e… come si fa in spiaggia o sugli scogli? Ci si è messo pure Dior. Ma attenzione: oggi non si pronuncia "zoccoli", ma “clogs”.

Chanel

Clogs in tela con punta dritta, borchie invecchiate e bijou Desrues, suola in legno, tacco 9 cm. Prezzo su richiesta

www.chanel.com


Ras

In suede rosso, suola in legno con borchie, tacco 10 cm., € 150

www.rasshoes.com
www.raseshop.com


Lo zoccolo duro
di Eleonora Tarantino

Personalizzati, che passione! Quasi quasi ne compro un paio, in quella bottega artigianale che produce scarpe su misura. Per chi non vuole rischiare rovinose cadute ed esige la praticità, lo zoccoloevergreen” rimane basso, con suola in legno naturale e fascetta semplice, liscia, in cuoio. In ogni località di mare che si rispetti, c’è un artigiano pronto a realizzarli "ad hoc". Famosi quelli di Forte dei Marmi: pochi minuti di lavorazione e… lo zoccolo è fatto! Attenzione, però, a dove li sfoggiate: considerati troppo rumorosi, a Positano e a Capri li hanno addirittura vietati: multa € 50. Ma non era un accessorio da mare?

Giovanni Del Forte
via Roma 16, Forte dei Marmi (LU)
tel. 058483395


www.giovannidelforte.it

Foto: Chanel
Ras

stampa

coolmag