Coolmag - fashion&design

CoolMood
Paio di scarpe uno
Paio di scarpe due
home - fashion & design




Consigli di Stile: Tacchi a spillo & Ballerine

di Gisella Zinelli Rignano

L’aveva capito subito, Cenerentola, che la scarpa è fondamentale. La sua, nella fattispecie, era di cristallo (ma non ci è dato di sapere di quale stilista). E tanto comoda non doveva essere, visto che le si era sfilata nel correre giù dalle scale. Se avesse conosciuto la Carrie Bradshaw di Sex and the City (che di corse sui tacchi alti la sa lunga), Cenerentola avrebbe imparato che per nessuna ragione al mondo si deve abbandonare una Manolo Blahnik sulle scale. Ma siccome non era una “fashion-victim”, la scarpa l’aveva lasciata lì per poi precipitarsi verso la carrozza. Cenerentola, però, aveva inconsapevolmente dato una lezione: che va bene essere alla moda, ma ciò che conta è trovarsi a proprio agio nei panni che si indossano. La ben nota fiaba, racconta della scarpetta ma non ci fa sapere come fossero in realtà i piedi della protagonista. Va da sé che essendo lei l’eroina, fossero talmente perfetti da poterla facilmente calzare. In barba alle rivali, che dovevano avere delle bruttissime estremità. Ma non immaginavano, le invidiose, che forse il tempo le avrebbe riscattate: a Cenerentola sarebbe venuto un gran mal di schiena da tacco vertiginoso; o qualche storta alla caviglia da zeppa esagerata.

Una sua collega dei giorni nostri, prima "top model" e poi moglie d'un Presidente di Francia, ha pensato bene d’adottare comodissime ballerine per non sembrare più alta del suo principe, ma anche per stare comoda (schiaffo morale alle normo-alte con le gambe corte, che per sembrare più slanciate si mettono i tacchi alti perfino per camminare sull’acciottolato di Portofino). E siccome oltre alla gamba lunga ha pure la caviglia sottile, le ballerine la fanno elegante anche quando indossa il cappottino di Dior e va dalla Regina d’Inghilterra. Diciamoci la verità: a un’altra non l’avrebbero concesso. Ma siccome lei è Carlà, tutto quel che fa va bene. Premiére Dame a parte, la scelta delle calzature la dice lunga sull’eleganza di una persona e la consapevolezza del proprio fisico. Prima regola: non lasciare che i dettami della moda sovrastino il nostro buon gusto, rischiando d’accentuare quei difetti che avevamo tentato faticosamente di nascondere. Gonna e stivaletto, non possono convivere sulla gamba corta; e neppure il sandalo con cinturino intorno alla caviglia, se questa è grossa. Gran cosa il tacco 12 che ci aumenta la statura, ma cosa ancor più grande è camminarci sopra con disinvoltura. Il vestito più o meno bello conta, l’acconciatura anche, ma la scarpa… No, lì non c’è discussione. Quella giusta valorizza il più comune degli abiti, lo adegua alla moda ma soprattutto alla circostanza. Ci vuol nulla a sbagliare. E se di Cenerentola ce n’era una sola, di brutte sorelle il mondo è ancora pieno.

Roger Vivier

Modello Prisme, ballerina in satin viola. € 450

tel. 02772251
www.rogervivier.com


Alberto Guardiani

Francesina “special edition”, in tartan “scottish style” e astrakan nero. Tacco svettante, punta arrotondata, plateau in legno laccato nero. € 400

tel. 02796385
www.albertoguardiani.it


Kallistè

Tronchetto rosso in vernice. € 310

tel. 02783988
www.kalliste.it    


Michel Perry

Bottine nera con reverse in pelliccia. € 440

tel. 02783988
www.michelperry.com    


CoolMag Tube: Il Tacco a Spillo
http://it.youtube.com/watch?v=eYBa0nmpwAU

Foto: Roger Vivier
Alberto Guardiani
Kallistè
Michel Perry












stampa

coolmag