Fashion & Design

Wayfarer by Ray-Ban

«Sono un classico degli anni 50: pronto a rubare il podio alle poltrone Eames e alle pinne Cadillac». A definirli iperbolicamente così è il critico di design britannico Stephen Bayley: sono i Wayfarer, gli occhiali da sole progettati nel 1952 da Raymond Stegeman, creativo alle dipendenze della Bausch & Lomb, all’epoca casa madre di Ray-Ban. Con l’affermarsi di materiali e tecnologie all’avanguardia, i Fifties offrono innumerevoli, stilose opportunità: come l’utilizzo della plastica che consente di realizzare montature più complesse.

Con i loro angoli decisi, in acetato nero opaco, arricchiti dalla scritta laterale Ray-Ban in metallo e le lenti verdi, i Wayfarer modello 901 fanno il loro ingresso nell’Olimpo delle stelle hollywoodiane diventando nel 1961 protagonisti del film Colazione da Tiffany con la fascinosa, elegantissima Audrey Hepburn testimonial d’eccezione. Scocca il 1980 e irrompe sul grande schermo il total look nero (Wayfarer più che mai inclusi) della goliardica coppia di The Blues Brothers formata da John Belushi e Dan Aykroyd. E li riscopriamo irresistibilmente vintage, i mitici occhiali, se a indossarli è il singer songwriter Bob Dylan in No Direction Home (2005), docufilm diretto da Martin Scorsese.

Che poi gli shooting fotografici alle rockstar li abbiano eletti a status symbol, è quasi scontato: vedi il chitarrista Johnny Marr, che quando militava negli Smiths non lesinava certo apparizioni coi Wayfarer sul naso; mentre i Ramones, grazie a quell’inconfondibile montatura, hanno acquisito un’aura punk dura a morire. Ma nel 1983, riuscendo a bypassare il rock, si sono proclamati accessorio di punta di Madonna, in bella mostra sulla copertina del singolo Lucky Star; e sono apparsi nel videoclip di Club Tropicana, l’inno pop di George Michael e Andrew Ridgeley alias Wham!.

Con gli anni 2000, si può tranquillamente affermare che i Wayfarer siano rinati alla grande complice la classica montatura nera che ha pensato bene di incontrare il colore, mentre le lenti si sono ritrovate più o meno sfumate. E il nuovo trend, basato su abbinamenti e accostamenti fantasiosi, tartarugati, bicolore, donano indubbiamente all’occhiale un tocco di vivacità in più.

Per quanto riguarda l’acetato, havana colorati e silhouette originali rendono omaggio ai classici di tutti i giorni offrendo una nuova prospettiva su ogni look. E ad ogni collezione di eyewear, i Wayfarer vengono rilanciati con inedite opzioni cromatiche: per ottenere quell’effetto pop che di certo non vi farà passare inosservati.

Foto: © Ray-Ban

Share: