Fashion & Design

God Save the Tartan

In ogni sua declinazione, per indossabilissime idee fra avanguardia e tradizione, il tartan è il mattatore unisex della stagione Autunno-Inverno 19/20. È diventato un must questo tessuto in lana cardata o pettinata, a quadri e a colori vivaci, che in terra di Scozia caratterizza il gonnellino kilt distinguendo un clan o un distretto. Se la “sottana di tartan” è stata inventata dopo il 1707, si è successivamente sviluppata la convinzione che i disegni si differenziassero a seconda delle Highlands.

Attorno alla metà dell’800, durante i suoi soggiorni nel castello di Balmoral, The Queen Victoria fece del tartan la sua passione, mentre in America il tessuto viene celebrato ogni 6 aprile nel Tartan Day e durante la Tartan Week: periodi nei quali anche le stelle del cinema che si attribuiscono una seppur remota origine scozzese non rinunciano certo a indossare il kilt. E se Sir Sean Connery non perdeva mai l’occasione di apparire in pubblico col suo irrinunciabile gonnellino, di certo non da meno è il kilt di gala sfoggiato da Ewan McGregor; e durante le esibizioni live da popstar quali Madonna o Robbie Williams.

Cuore della produzione laniera scozzese è la bucolica Tweed Valley, una trentina di chilometri a sud di Edimburgo, rinomata per la pesca al salmone e le fabbriche di tessuti. A Selkirk, l’azienda Locharron (Waverley Mill, Rodgers Road) propone un catalogo con 1.300 disegni di tartan fra cui quelli griffati dalla stilista Vivienne Westwood che alla fine degli anni 70 insieme a Malcolm McLaren (produttore discografico, musicista e artefice dei Sex Pistols) inaugurò a Londra, in Kings Road, lo store di abbigliamento chiamato Sex. trasformando il punk in fashion business.

Da tempo stilisti e flagship store utilizzano l’iconico scottish style su tessuti come lana, seta e cotone, realizzando collezioni per capispalla, abiti, scialli, gonne e indispensabili accessori come fazzoletti, cravatte, scarpe, borse. Danzando al suono folkloristico della musica reel o ascoltando in cuffia quell’inno punk che è God Save The Queen, il tartan si merita più che mai un total look.

Foto: Vivienne Westwood Autumn-Winter 19/20, London Fashion Show
Stivale Dr. Martens
Christian Dior shopping bag

Share: