Coolmag - beauty

Doppio Gaultier
Le Male
Classique
home - beauty




Jean Paul Gaultier. Fetish!

di Matteo Castelnuovo

Tutto ha avuto inizio nel 1984. Dalla sua prima collezione uomo. Dai suoi uomini-oggetto con la schiena nuda. Da allora, è stato un rapido susseguirsi di stagioni, collezioni ed eventi modaioli che hanno portato Jean Paul Gaultier a essere considerato come l’enfant terrible della “fashionmaschile. E ora, dopo aver dimostrato agli uomini che potevano permettersi il tradizionalmente non-permesso, ribadisce il messaggio con un profumo, Le Male, racchiuso in un flacone dai connotati sensual-fetish. Fragranza, questa, che evoca la sensualità di un corpo nudo. Quella golosità, quella voglia un po’ impertinente di essere finalmente se stessi. Osando. L’attacco è fresco: una frivola menta piperita che ben si accompagna all’artemisia, al bergamotto e al cardamomo per meglio introdurre la lavanda mischiata al fiore d’arancio, alla cannella e al cumino. A loro volta mescolate con legno, muschio, ambra, vaniglia e fava tonca. Il risultato è corposo, caldo, sensuale, avvolgente.

Le Male (125 ml., € 66.63), che a San Valentino verrà riproposto in un’edizione limitata che si accompagna a una miniatura vestita da fante di cuori, non può che accoppiarsi allo storico profumo femminile griffato Gaultier, Classique (100 ml., € 83.29), anch’esso in “limited edition” con miniatura vestita da donna di cuori. Un’essenza che esibisce come perno centrale la rosa, tocco di classicità ma anche concetto di una donna moderna che prende l’amore come un gioco e la vita come un palcoscenico. Due le versioni: Eau de Toilette, che risveglia la seduzione con la rosa e l’anice stellato, che a loro volta si mischiano al fiore d’arancio e allo zenzero per poi fondersi alla vaniglia e all’ambra legnosa; Eau de Parfum, puro concentrato di piacere in cui la rosa si arricchisce e si riscalda al contatto con le note voluttuose e conturbanti del rum, fino a sciogliersi nella vaniglia e nella dolce ambra legnosa.

www.jeanpaulgaultier.com

Foto: Jean Paul Gaultier

stampa

coolmag