Art

REPLAY – Il Bello dell’Arte Moltiplicata

È innegabile il potere mediatico e attrattivo che la grande grafica d’autore ha esercitato negli ultimi 40 anni di storia dell’arte. REPLAY – Il Bello dell’Arte Moltiplicata, è un’inappuntabile dote artistica e stilistica che dimostra la bontà di un percorso espositivo capace di accomunare tutti i grandi autori chiamati in causa. Ed è anche una preziosa eredità sociale e culturale, figlia d’una diffusione di massa che trasversalmente alimenta e avvicina all’arte, senza distinzioni di sorta, la società contemporanea.

Infine, rappresenta un serio incentivo alla creazione di un gusto allargato di chiara matrice estetica, legata a un sensibile mercato che riconosce nei simboli riprodotti quel ricercato valore assoluto così tanto di moda e che la nostra epoca deve, in tutto e per tutto, all’Arte POP che va da Enrico Castellani ad Alighiero Boetti; da Mario Schifano a Franco Angeli; da Michelangelo Pistoletto a Ugo Nespolo; da Andy Warhol a Roy Lichtenstein; da Enrico Baj a Emilio Isgrò; da Man Ray a Takashi Murakami e molti, moltissimi altri. È un “excursus” stilistico, questo, che punta sulla varietà del messaggio e sull’autorevolezza che la grafica d’autore deve, al giorno d’oggi, poter ancora vantare rispetto a un sistema che tende a banalizzarne forme e contenuti, in nome di una gerarchia tecnica del tutto imposta che ha davvero poco senso.

REPLAY
Il Bello dell’Arte Moltiplicata
Fino al 3 marzo 2019, DAV – Dipartimento di Arti Visive, via Matteotti 2/4 Soresina (CR)
tel. 3405419476

Foto: Alighiero Boetti, “Da uno a dieci”, gioco per bambini in scatola, Emme Edizioni, 1980
Enrico Baj, Generale antico
Emilio Isgrò, Mikhail Gorbaciov (a sinistra) corre nel rosso vestito con molta nostalgia del verde

Share: