Coolmag - art

Vito Acconci
Joyce Wieland
Kiss by Andy Warhol
home - art




Kiss Off

di Stefano Bianchi

Ripensare il bacio nell’arte del 20° secolo. L’ha fatto la galleria newyorkese Luxembourg & Dayan raccogliendo opere di Marina Abramović e Ulay, Vito Acconci, Lynda Benglis, James Lee Byars, Patty Chang, Willem de Kooning, Urs Fischer, Felix Gonzalez-Torres, Jeff Koons, Marisa Merz, Joan Miró, Elizabeth Peyton, Francis Picabia, Sigmar Polke, Ed Ruscha, Andy Warhol, Joyce Wieland e altri artisti. Il titolo di questa collettiva, Kiss Off, si riferisce all’omonima serie di azioni messe in scena nel 1971 da Vito Acconci. Dopo essersi applicato il rossetto sulle labbra e aver baciato il proprio corpo, il performer americano strofina la carne pigmentata su una pietra litografica utilizzando se stesso come un francobollo per evidenziare un’intimità solipsistica e seriale. Solo 1 anno prima, nel ’70, Joyce Wieland elabora la litografia O Canada dopo avere impresso il segno delle labbra mentre canta l’inno nazionale canadese. Il suo gesto, dichiaratamente femminista, si oppone al cieco patriottismo.

Prendendo Kiss Off e O Canada come spunti di riferimento e di riflessione, la mostra considera il baciare come imperativo di un amore che si trasforma nel tempo bypassando l’intimità. Se le avvolgenti figure di Francis Picabia, gli amanti (Liebespaar) dipinti da Sigmar Polke, il bacio (Kiss) filmato da Andy Warhol e il video Female Sensibility girato da Lynda Benglis non fanno altro che “interpretare” letteralmente il bacio, ecco che baciare si traduce in un intollerabile disagio nella performance Breathing In/Breathing Out che vede Marina Abramović e Ulay serrare le labbra con le narici bloccate da mozziconi di sigaretta facendo in modo che l’espirazione dell’una sia l’unica a disposizione dell’altro. Alla Abramović risponde Patty Chang che filma 2 donne mentre si passano avanti e indietro, fra le bocche, una cipolla. Sicchè le lacrime, copiose, scendono lungo le loro guance. E i 2 cerchi argentati di Felix Gonzalez-Torres? Toccandosi, simulano un bacio che è il risultato dell’incontro/fusione di forme astratte.

Kiss Off
Fino al 14 aprile, Luxembourg & Dayan, 64 East 77th Street, New York
tel. 001-212-4524646


www.luxembourgdayan.com

Foto: Vito Acconci, Kiss Off, 1971, © 2017 Vito Acconci/Artists Rights Society [ARS], New York
Joyce Wieland, O Canada, 1970, © Joyce Wieland
Courtesy of Anna Leonowens Gallery, NSCAD, University Permanent Art Collection
Andy Warhol, Kiss, 1963, © 2018 The Andy Warhol Museum, Pittsburgh, PA, a museum of Carnegie Institute. All rights reserved. Courtesy The Andy Warhol Museum, Pittsburgh, PA  

stampa

coolmag