Coolmag - art

Alexis Diaz
BR1
Eron
home - art




Freedom as Form

di Stefano Bianchi

BR1, da Locri, classe 1984. Alexis Diaz, nato a Porto Rico, 1982. Eron, Rimini, 1973. Faith47, Città del Capo, 1979. Sono liberi, questi 4 graffitisti. Liberi di esprimersi. Di più: liberi di dare Forma alla Libertà. È una collettiva, Freedom as Form, che indaga la mutevolezza della libertà: vissuta in un determinato periodo storico, somatizzata da culture diverse. Libertà è una parola spesso male interpretata. Addirittura sfruttata: per giustificare azioni abominevoli. Ma quali sono i limiti della libertà individuale? E quando, attraverso la nostra libertà d’azione, cominciamo a danneggiare la comunità alla quale apparteniamo? Domande. Che attendono risposte da questi 4 graffitisti: ognuno dei quali si è avvalso della propria facoltà estetica (distintiva, differente) per “metaforizzarla” in libertà d’espressione.

Se BR1 interviene spontaneamente negli spazi normalmente riservati alle affissioni pubblicitarie libero di affrontare temi come l’immigrazione, la discriminazione di genere, l’impatto del capitalismo su altre culture e sistemi sociali, Alexis Diaz dipinge a inchiostro con minuziose pennellate creature metamorfiche, forme organiche ed elementi naturali dando libera espressione all’ecosistema.  Eron, invece, si mostra libero di esercitare una forma di “writing” pittorico che attraverso lo spray si fa evocativo e incorporeo, mentre Faith47 identifica la libertà come condizione umana, ricerca esistenziale, relazione intima. Immedesimandomi nell’artistica libertà di questi 4 graffitisti, non posso non pensare alle parole di Charles Bukowski: “L’anima libera è rara, ma quando la vedi la riconosci. Soprattutto perché provi un senso di benessere quando le sei vicino”.  

Freedom as Form
Fino al 10 agosto, Wunderkammern, via Ausonio 1A, Milano
tel. 0284078959


www.wunderkammern.net

Foto: Alexis Diaz, Djerba, 2014, courtesy of the artist
BR1, Welcome Big Babol, Turin, 2012, courtesy of the artist
Eron, The Bridges Of Graffiti, Biennale 2015, Venice, © Eron

stampa

coolmag