Coolmag - art

Topaz
Frenzy
Gli uccelli
home - art




Alfred Hitchcock nei film della Universal Pictures

di Stefano Bianchi

È trascorso mezzo secolo dall’uscita di Marnie, lo psico-thriller diretto da Alfred Hitchcock (1899-1980). Ed è l’occasione giusta per rimettere in scena il maestro del brivido, della suspence ma anche dell’ironia tipicamente britannica. Il set ideale è la mostra intitolata Alfred Hitchcock nei film della Universal Pictures, che propone oltre 70 fotografie e vari contenuti speciali provenienti dagli archivi della “major” cinematografica. Il percorso espositivo racconta la pingue figura del leggendario regista dando l’opportunità a cinefili e semplici “aficionados” d’immergersi nel “dietro le quinte” di 14 capolavori girati dal 1940 al ’76, per poi scoprire inediti particolari sui “ciak” delle scene più celebri, sull’utilizzo dei primi effetti speciali, su attori e attrici nonché sulla vita privata del grande londinese che non pochi scatti fotografici “catturano” mentre gigioneggia e ride insieme ai protagonisti dei suoi “gialli”.  

Con una serie di approfondimenti video, è il critico cinematografico Gianni Canova ad accompagnare i visitatori analizzando puntigliosamente pellicole del calibro di Psyco, La finestra sul cortile, Gli uccelli e La donna che visse due volte. Una sala è invece dedicata alla musica (ingrediente base per la costruzione dell’inimitabile senso d’attesa hitchcockiano) attraverso la riproduzione di quelle colonne sonore che hanno visto soprattutto protagonista il compositore e direttore d’orchestra americano Bernard Herrmann. Un titolo su tutti, Psyco: nella cui partitura il musicista preferì utilizzare solo la sezione archi senza coinvolgere gli strumenti a fiato. La rabbrividente scena sotto la doccia, dove in origine non era previsto alcun commento sonoro, resta fra le più emozionanti dell'intera “soundtrack”: complici le agghiaccianti, disturbanti note dei violini. Divertenti, infine, sono le strategiche apparizioni di Hitchcock nei suoi films. Cammei (come quello “canino” de Gli uccelli) nati sottoforma di simpatiche “gags” che un montaggio ripropone facendoci capire quanto il pubblico le attendesse con impazienza. Ma per evitare che gli spettatori si distraessero troppo durante la trama, il geniale Alfred pensò bene di anticiparli ai primissimi minuti dall’inizio.

Alfred Hitchcock nei film della Universal Pictures
Fino al 9 novembre, Palazzo del Governatore, piazza Giuseppe Garibaldi 2, Parma
tel. 0521218929


www.ilmaestrodelbrivido.com

www.palazzodelgovernatore.it

Foto: Alfred Hitchcock sul set di “Topaz” (1969), © 2014 Universal Studios. Tutti i diritti riservati, Mondadori Portfolio/The Kobal Collection
Manichino raffigurante la salma di Alfred Hichcock nel Tamigi utilizzato per promuovere il film “Frenzy” (1972), © 2014 Universal Studios. Tutti i diritti riservati, Mondadori Portfolio/AKG Images
Cammeo di Alfred Hitchcock in “Gli Uccelli” (1963), © 2014 Universal Studios. Tutti i diritti riservati, Mondadori Portfolio/Album
 

 
 

stampa

coolmag