Coolmag - art

Swingeing London
Interior 2
Portrait of Hugh Gaitskell
home - art




Richard Hamilton

di Stefano Bianchi

Oltre ad avere letteralmente inventato nel 1956 la Pop Art, con il culturista e la spogliarellista mattatori nel "collage" Just What Is It That Makes Today’s Homes So Different, So Appealing?, l’anno successivo l’ha definita «popolare, transitoria, di consumo, a basso costo, prodotta in serie, giovane, perfida, sexy, ad effetto». È Richard Hamilton (1922-2011) e la Tate Modern gli rende omaggio esponendo tutte le opere “cult” realizzate dagli Anni ’50 fino a quando, 89enne, non aveva perso neppure un grammo di creatività. Fun House, presentata nel ’65 alla rassegna This Is Tomorrow presso la Whitechapel Gallery di Londra, è il nocciolo della retrospettiva: una coinvolgente installazione che frulla immagini da posters cinematografici, rotocalchi e pubblicità. Attorno alla “stanza del divertimento” ruotano capolavori della “popular culture” come Swingeing London 67, che ritrae fotograficamente Mick Jagger e il mercante d’arte Robert Fraser in manette dopo una condanna per detenzione di stupefacenti; e My Marilyn (’65), con un’evanescente Monroe fuori dal “glamour”.
 
Particolarmente efficaci le opere a sfondo politico: dalla serie ispirata ai digiuni dell’Ira, ai ritratti di Margareth Thatcher, Bobby Sands e Tony Blair (Shock And Awe, 2007) nei panni di cowboy/invasore dell’Iraq. Ben documentato, poi, l’interesse di Hamilton per l’architettura e il design con le raffigurazioni del Guggenheim Museum di New York (’65) e del Toaster (’67) che modifica il marchio da Braun a Brown. Tornando alle installazioni, ecco Growth And Form del ’51 e Lobby (’85-’87), con il dipinto dell’ingresso di un hotel, una colonna e la scalinata a fargli da eco. Hamilton era anche noto per le numerose collaborazioni con altri artisti quali Marcel Duchamp (la ricostruzione di The Large Glass), Francis Bacon, Andy Warhol e Roy Lichtenstein, invitati a fotografarlo con la Polaroid. E al termine della sua vita, ha voluto lasciare il testamento pittorico più toccante: con gli omaggi ai maestri del Rinascimento italiano.
 
Richard Hamilton
Fino al 26 maggio, Tate Modern, Bankside, Londra
tel. 0044-20-78878888
Catalogo Tate Modern, € 29.99


www.tate.org.uk

www.visitbritain.com

Foto: Swingeing London 67 (f), 1968–9
Interior II,1964
Tate © The estate of Richard Hamilton
Portrait of Hugh Gaitskell as a Famous Monster of Filmland, 1964, Arts Council Collection, South Bank Centre, London, © The estate of Richard Hamilton
 

stampa

coolmag