Coolmag - art

CoolMovie
Blue Jasmine
Cate Blanchett e Sally Hawkins
home - art




Blue Jasmine di Woody Allen

di Stefano Bianchi

Stavolta non si ride. Vivaddio, se quando si è tentato (inutilmente) di farlo il risultato è stato la pochezza di To Rome With Love (2012). Semmai si sorride di gusto alle battute pronunciate dai caratteristi Bobby Cannavale e Louis C.K. Stavolta Woody Allen fa il serio e fa sul serio. Non è il nichilista “bergmaniano” di Interiors (1978) e tantomeno il tragico “shakespeariano” di Sogni e delitti (2007). Il suo 44° film (li avrò contati bene?) sancisce piuttosto il ritorno alle sue tematiche fondamentali: angoscia, infelicità, menzogna, tradimento. In tal senso, Blue Jasmine (“blue” significa “depressa”, ma si riferisce anche alla canzone Blue Moon, "colpevole" d'aver fatto incontrare la protagonista e il suo futuro, farabutto marito) può tranquillamente giocarsela con Settembre (’87), Un’altra donna (’88), Crimini e misfatti (’89), Alice (’90) e Match Point (2005). Jasmine (Cate Blanchett, premio Oscar strameritato come migliore attrice protagonista), vola da New York a San Francisco per ridare un minimo di senso alla propria esistenza. Lei, che era stata una sofisticata donna modello Park Avenue sposata al facoltoso uomo d’affari Hal (Alec Baldwin), si ritrova uno zero assoluto (psichicamente e sul conto in banca) che ingurgita senza ritegno Xanax e vodka dopo essere passata dalle stelle alle stalle. Il marito, infatti, se l’era spassata allegramente accumulando dollari a spese del governo e dei colleghi di lavoro; e per di più la cornificava da una vita. Jasmine, com’è giusto che sia, lo fa arrestare dall’FBI per poi raggiungere a San Francisco la sorella adottiva Ginger (Sally Hawkins), cassiera in un supermarket, condividendone il modesto appartamento e mal sopportando sia il fidanzato “perdente” Chili (Bobby Cannavale), sia l’ex marito Augie (Andrew Dice Clay).

Aggrappate con le unghie all’idea di una vita diversa che non riusciranno mai a raggiungere, le 2 sorelle si confrontano consigliandosi a vicenda: Ginger suggerisce a Jasmine di lanciarsi “online” come arredatrice d’interni; e nel frattempo, quest’ultima accetta suo malgrado un lavoro di “receptionist” in uno studio dentistico attirandosi addosso le plateali attenzioni del dottor Flicker (Michael Stuhlbarg). Ginger, approvando il suggerimento della sorella a scegliere partners che si dimostrino finalmente giusti per lei, inizia invece a frequentare il tecnico del suono Al (Louis C.K.), ipoteticamente migliore di Chili. Jasmine, dal canto suo, intravede una possibilità di riscatto (e un ritorno nei ranghi alto borghesi) incontrando Dwight (Peter Sarsgaard), un diplomatico che s’invaghisce del suo fascino e del suo stile griffato (ormai fittizi, nell’inutile tentativo di resuscitare l’autostima), per poi fare rapidamente dietrofront. In tutto ciò, a spiccare sono le maiuscole interpretazioni delle protagoniste: Cate Blanchett, capace di vivisezionare con crisi di panico, timidi sorrisi, sguardi catatonici e occhi stracolmi di lacrime ogni attimo del suo tracollo esistenziale (dopo una “performance” così, si merita un posto fra le “divine” di Woody Allen: Diane Keaton, Gena Rowland, Meryl Streep e Dianne Wiest); Sally Hawkins, che fa di Ginger una ragazza di periferia buona come il pane, ingenua frequentatrice di sfigati, epigona ideale della Mia Farrow di Broadway Danny Rose e della Mira Sorvino di La dea dell’amore.

www.warnerbros.it

Foto: Warner Bros. Pictures Italia
 

stampa

coolmag