Coolmag - art

Ninth Life Door
On The Road
Stripper Cat
home - art




AAA Attention Ausgang!

di Stefano Bianchi

I suoi gatti non sono animali domestici. Quindi, toglietevi dalla testa che facciano le fusa elemosinandovi un pugno di Friskies. Il Mondo Gatto di Anthony Ausgang, in mostra a Milano, è affollato di felini diabolici, allucinati, terribilmente ironici che si elasticizzano, allungano e deformano spalancando le loro fauci fameliche. Velenosi antagonisti degli amabili "cartoons" di Walt Disney e snobbatori convinti del Felix the Cat creato da Otto Messmer, trovano invece punti di contatto “underground” col bestiario firmato Tex Avery ma soprattutto con il Fritz the Cat disegnato da Robert Crumb. Sono Pop Surrealisti, i gatti del visionario Ausgang che danno vita a pittoriche scene psichedeliche dove si amalgamano e collidono rossi, arancioni, verdi, gialli, viola. Il 53enne, nato a Trinidad e Tobago e adottato da Los Angeles, ha promosso i suoi felini simboli fumettosi del Lowbrow americano: neologismo creato negli Anni ’70 dall’illustratore Robert Williams per sottolineare la forza di un movimento artistico nato dai bassifondi e orgogliosamente schierato contro l’Highbrow, ossia l’elite culturale in decadenza.

La cifra stilistica di Ausgang, inoltre, dialoga con l’Hot Rod Art che guarda al mondo delle automobili “customizzate” e ascolta i cortocircuiti elettrici del rock che più duro non si può. Ecco, allora, che i suoi rocamboleschi/ghignanti felini sgommano a bordo di rombanti bolidi e cavalcano terrorizzati sulla tavola da surf le minacciose acque di un’onda gattesca, come succede sulla copertina di Congratulations, il disco psychedelic/glam dei newyorkesi MGMT (contrazione di Management). Ecco, allora, che ogni narrazione pittorica è una corsa a perdifiato che si sforza di spiegare, attraverso la figurazione "cartoonesca", la nostra povera condizione umana. In più, c’è il retrogusto Anni ’60 di certi cartoni animati visti in televisione: «Come il giovane Butch del film Pulp Fiction», spiega l’artista, «tutti quelli della mia generazione hanno divorato sul piccolo schermo quella Pop Art che cacciò gli Espressionisti Astratti fuori dal salotto di Peggy Guggenheim. Quella guida tv, a un certo punto divenne psichedelica e colpì con autentiche allucinazioni gli schermi della Middle Class americana». Ogni tanto, però, capita che in questo fiume di adrenalina ci sia modo di tirare un po' il fiato: come quando, sotto le luci dei riflettori, c’è una gatta platinata che fa lo “striptease”. Ma è solo un battito di ciglia. Dopodichè tutto ricomincia daccapo, a correre, in questo pazzesco Mondo Gatto.    

Anthony Ausgang
AAA Attention Ausgang! (Mondo Gatto)
Fino al 31 gennaio, Antonio Colombo Arte Contemporanea, via Solferino 44, Milano
tel. 0229060171


www.colomboarte.com

www.ausgangart.com

Foto: Ninth Life Door (Left), 1992
On The Road, 2011
Stripper Cat, 2011

stampa

coolmag