Coolmag - art

Burlesque Festival Roma
Funny Sunny Boobs
Moet Chandon & Coke
home - art




Burlesque Now

di Stefano Bianchi

Dietro il sipario di velluto rosso, le “ladies” del neo-Burlesque consumano gli ultimi istanti di “backstage” prima di entrare in scena. La bionda, sboccatamente platinata, si specchia in camerino. Missy Malone, avvolta dalle piume di struzzo, sposta il tendaggio con la mano guantata di nero per scoprire chi c’è laggiù, seduto in platea. Un’altra regina della notte, si ritrova in compagnia della propria solitudine mentre cosce ben tornite, in equilibrio sui tacchi a spillo, annegano in una nuvola di palloncini e lembi di pelle tatuata, unghie smaltate e labbra vermiglie attendono che la musica spicchi il volo. Poi, sotto filtranti luci al neon, lo show sussurra peccati, tentazioni, morbidi ancheggiamenti da “striptease”.

Gli scatti fotografici di Giovanni Cocco, ci raccontano per filo e per segno il Burlesque andato in scena a Milano, Roma, Bologna. Le sue Burladies, che traggono il succo della loro voluttuosa arte dagli spettacoli che nell’Inghilterra Vittoriana deridevano e satireggiavano i potenti, contaminano le loro danze con elementi punk e fetish lasciandosi accompagnare da musiche non ortodosse. È il neo-Burlesque, signori e signore, nato negli Anni ’90 strizzando l’occhio agli Anni ’30 e ’40, che il fotografo traduce in una serie di rappresentazioni che trascendono il “reportage” per trasformarsi in pura arte. C’è l’atmosfera circense di Federico Fellini, nei primi piani di questi volti erotizzati da rossetto e fondotinta. E c’è la viziosa claustrofobìa di David Lynch: non solo in certe sequenze “noir” create ad arte (la pistola appoggiata sul pianoforte in Sweety Bullet; l’ipotetica violenza di Brad, The Show Must Go On; l’improvviso ripensamento di Finding Courage), ma nella voyeuristica “mise-en-scène” di seni prorompenti e risate assordanti. Ma soprattutto, dietro al microfono “vintage”, in quel bacio ad occhi socchiusi regalato al pubblico c’è una forza poetica che commuove, stordisce, strappa applausi. È il Burlesque, baby.     

Burlesque Now
Fino al 24 dicembre, Photographia e Galetti Galleria d’Arte, viale Lazio 1 (angolo viale Monte Nero), Milano
tel. 0294433038


http://www.photo-graphia.it/

Foto: Burlesque Festival, 2009
Funny Sunny Boobs, 2009
Moet Chandon & Coke, 2009
© Giovanni Cocco/ILEX Photo


 

stampa

coolmag