Coolmag - art

Geisha in a Subway Station
Boy in mid flight
Procession of Nuns
home - art




Steve McCurry: Instants Suspendus

di Redazione

Scarpe robuste, giubbino multitasche, maglietta mimetica, 2 macchine fotografiche sempre in mano sotto un sole cocente. Per vivere infiniti momenti di pausa, prima del fatidico “click”. Steve McCurry è esattamente questo genere di fotografo e non certo il fotografo che immaginate fra decine di modelle ripassate per bene al trucco dietro luci al flash in qualche studio “cool”. McCurry, americano, è una leggenda vivente. Un fotogiornalista che ha trascorso la propria esistenza in giro per il mondo fra Afghanistan, Cambogia, Filippine, India, Iran e Iraq. Paesi difficili solo a pronunciarli. Paesi dove la vita è il presente e il futuro è un miracolo. In una delle sue innumerevoli spedizioni, nel 1984, ha ritratto per la rivista National Geographic l’Afghan Girl, ossia la ragazza diciassettenne dallo sguardo magnetico che è diventata il simbolo di quel popolo ma soprattutto di Amnesty International.

Nella personale all’Atelier Soardi di Nizza, Steve McCurry racconta i fatti così come li ha visti. Fatti scomodi, il più delle volte; rivelazioni, per noi che in quei mondi ci andiamo solo attraverso google earth o di passaggio in qualche resort di lusso. Lui, invece, assapora il lusso di approfondire persone e luoghi; pezzi di mondo che altrimenti sarebbero abbandonati a loro stessi. Fotografo silenzioso, ha dichiarato di essere l’uomo più paziente della Terra: attende l’attimo, impugna la macchina fotografica, lo fa arrivare e lo fissa sulla pellicola. Instants Suspendus. Istanti sospesi. Titolo quantomai azzeccato, per narrare proprio quella “pausa” che il sessantenne McCurry cita spesso. Fermarsi ad osservare: è il messaggio che il maestro invia a ciascuno di noi, abitante di questo mondo dove l’eccessiva informazione fa perdere l’importanza del contenuto. Proprio come trovarsi davanti alle sue fotografie: in religioso silenzio, rapiti da ogni singolo istante.

Steve McCurry
Instants Suspendus
Fino al 16 aprile, L’Atelier Soardi, rue Désiré Niel 8, Nizza
tel. 0033-4-93623203


www.soardi.fr

www.stevemccurry.com

http://it.franceguide.com/home.html?nodeID=1

Foto: Geisha in a Subway Station, Kyoto, Japan, 2007
Boy in mid-flight, Jodphur, India, 2007
Procession of Nuns, Rangoon, Burma, 1994
© Steve McCurry

stampa

coolmag