Coolmag - art

Don't Be Cruel by Cutrone
Sinatra by Lodola
Meet The Beatles by Cutrone
home - art




Lodola vs Cutrone

di Stefano Bianchi

L’un contro l’altro. Disarmati. Amichevolmente post-Pop. Il primo si chiama Marco Lodola, classe 1955, nato vicino a Pavia (Dorno), cresciuto a pane e Rolling Stones, inventore d'opere in perspex per Jovanotti, Renzo Arbore, Max Pezzali e di un’installazione con 14 sculture luminose per il Festival di Sanremo 2008. Partecipante, come FuturLodola, alla prossima Biennale di Venezia. Il secondo è Ronnie Cutrone, classe 1948, newyorkese, assistente di Andy Warhol alla Factory dal ’72 all’82, seguace del rock’n’roll e dei Velvet Underground. Lodola & Cutrone, in questa mostra torinese, si guardano da lontano senza sfidarsi. E senza invidia. Accomunati da una passione, la musica, vista come ingrediente base della “pop culture”. In 16 lavori (fra tele, “silhouettes” di luce, disegni), al di là delle differenze stilistiche e dei mezzi tecnici utilizzati, c’è tutto il loro mondo.

Quello di Lodola, spettacolarmente giocoso e  gioiosamente influenzato dal Futurismo (Fortunato Depero, soprattutto), mette in scena sagome di plastica trasparente, bidimensionali, attivate da un sistema di retroilluminazione elettrica. Arte carica d’energia vitale, “lightbox” trionfante di luci e colori, dialoga con le 7 note mostrando uno swingante Frank Sinatra d’epoca Rat Pack e un Chet Baker raggomitolato sulla sua tromba jazz. Entrambi, iconici, paiono uscire dalle milleluci di Hollywood. Ma è il Lodola Style, bellezza: che dopo avere architettato pin-ups, ballerine e stelle del music-hall, si mette a trattar di musica in modo inconfutabilmente “glam”. Il mondo di Cutrone, invece, viaggia su misureextralarge”. Sinora, era esclusivamente frequentato da “cartoons” (Woody Woodpecker, Felix the Cat, Mickey Mouse) legati a memorie "teenageriali" o genialmente collegati a giochi politici e smanie di potere. Adesso, “zooma” sulla musica rielaborando in grande scala copertine di dischi (Meet The Beatles!, Sketches Of Spain di Miles Davis, Are You Experienced? di Jimi Hendrix…) invase da colori stridenti e sgocciolature. Elvis Presley, ovviamente, è il “leader maximo”: abito azzurro su sfondo rosa shocking, gambe divaricate e chitarra a tracolla, è circondato da una pioggia di bandierine americane, dollari, carte da gioco. In basso a destra, c'è un cuore che sanguina. È il “music business”, baby. Il pentagramma Pop. Di Lodola vs Cutrone

Lodola vs Cutrone. Sovraesposizione
Fino al 30 maggio, Mar & Partners Art Gallery, via Parma 64, Torino
tel. 011854362


www.mar-partners.com

Foto: Ronnie Cutrone, Don’t Be Cruel, 2007
Marco Lodola, Frank, 2008
Ronnie Cutrone, Meet The Beatles, 2008

stampa

coolmag