Coolmag - art

Madonna Of Venice Beach
The Four Beatles
Marcel Duchamp's World Tour
home - art




Peter Blake: A Retrospective

di Stefano Bianchi

Classe 1932, Pop artista di Dartford, nel Kent, Peter Blake è considerato il padrino del movimento britannico che a partire dagli Anni ’50 tradusse in immagini pittoriche beni di consumo, pubblicità, fumetti, sport, b-movies, romanzi pulp. La “popular culture” che riempie le sue opere bi-dimensionali, dai tratti graffianti e dai cromatismi in fiamme, ha trovato la sua “raison d’être” universale in quell’affollato affresco poppettaro che illustra Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band dei Beatles (’67). L’estetica puntigliosa di Blake, che torna ad affiorare senza smagliature sulla copertina dell’album Stop The Clocks degli Oasis (2006), viene accuratamente sviscerata dalla “major retrospective exhibition” in scena alla Tate di Liverpool. Che mette in mostra tutti i “media” utilizzati dall’artista: dipinti, disegni, grafiche, illustrazioni, collage, sculture. Accanto a lavori iconici come On The Balcony (’55-’57), Self-Portrait With Badges (’61), The Toy Shop (’62), The Beatles ('63-’68) e Have A Nice Day, Mr. Hockney (’81-’83), si distinguono le opere più recenti sintetizzate nel titolo Marcel Duchamp’s World Tour.

Ciò che emerge, nell’arte nobile e anticonformista di Peter Blake, è il rifiuto dell’omologazione. La non-ripetizione. Lo testimoniano i mutamenti ideologico/pittorici di tutta una vita: nel ’69, trasferitosi ad Avon, esprime la solitudine del “country living” dando sfogo all’immaginario Vittoriano, alle fiabe, a un’adolescenza che vorrebbe fosse eterna. Nel ’75, tra i fondatori del gruppo di artisti Brotherhood of Ruralists, concretizza quadri che combinano elementi della natura, musica, influenze letterarie. Nel ’79, reduce da un viaggio a Los Angeles, si trasforma in pittore realista. E la Pop Art? Ogni volta presente, su tela e su legno, veicolata nei ritratti delle stelle musicali e cinematografiche. Caustica, nei confronti del “concorrente” americano Jasper Johns, nel tirassegno di The First Real Target (’61). Perfino capace, in Marcel Duchamp’s World Tour: He Meets The Spice Girls And Elvis (2000-2005), di far convivere il Re del rock & roll con le 5trash girls” del pop. Sul filo del paradosso.

Peter Blake: A Retrospective
Fino al 23 settembre, Tate Liverpool, Albert Dock, Liverpool
tel. 0044-151-7027400
Catalogo edito da Christoph Grunenberg e Laurence Sillars, £ 24.99


www.tate.org.uk

Foto: Madonna of Venice Beach, 1994-6
The Beatles 1963-8, courtesy Pallant House Gallery, Chichester, UK (Wilson Loan)
Marcel Duchamp’s World Tour: Playing Chess with Tracey, 2003-05, courtesy Waddington Galleries, London
© Peter Blake 2007. All rights reserved, DACS



stampa

coolmag