Coolmag - art

The True Artist
Eating My Words
A Rose Has No Teeth
home - art




Bruce Nauman: A Rose Has No Teeth

di Redazione

Pioniere della video arte e della performance post-minimalista, scultore dalla versatilità apparentemente illimitata, Nauman è famoso e ammirato dalla critica fin dalla prima entrata in scena”. Il New York Times ha recentemente definito così Bruce Nauman, artista che ha saputo influenzare intere generazioni coi suoi modelli di linguaggio. Una rosa non ha denti - Bruce Nauman negli anni Sessanta, propone più di 100 opere fra disegni, sculture, scritte al neon, fotografie, films, video, lavori sonori e testuali, installazioni e libri d’artista che testimoniano le origini di parecchie innovazioni e cambiamenti del panorama dell’arte contemporanea. Nauman realizza a partire dagli Anni ‘60 sculture in vetroresina, lattice e poliestere che ispireranno molti artisti a seguire. È il primo in assoluto a includere un video in un’esposizione e a sperimentare nuovi mezzi tecnologici. Manipulating The T Bar, ad esempio, è un filmato del 1965 girato con una telecamera a manovella 16 mm., in cui lo stesso Nauman compie una serie di manipolazioni di 2 lunghi tubi idraulici disposti a T, inframmezzando ogni cambio di posizione con un fotogramma vuoto e utilizzando il suo corpo come “materiale” da esplorare. Manipulating A Fluorescent Tube (’65), è invece una performance in cui usa corpo e luce come elementi per creare forme, mentre Thighing (’67) è un cortometraggio in cui si manipola la pelle e i muscoli della coscia.

Alla metà degli Anni ’60, comincia a inserire il neon nella sua produzione, realizzando la mappatura del proprio corpo in Neon Templates Of The Left Half Of My Body Taken At Ten-inch Intervals (Modelli in neon della metà sinistra del mio corpo presi a intervalli di venticinque centimetri), e l’anno successivo la famosa spirale di testo in neon The True Artist Helps The World By Revealing Mystic Truths (Il vero artista aiuta il mondo rivelando verità mistiche). Indaga fin dagli esordi i processi di percezione visiva, fisica e psicologica, creando spazi scultorei che provocano nello spettatore sentimenti d’ossessione, claustrofobia, disorientamento, confusione. L’opera che dà il titolo alla mostra, A Rose Has No Teeth, ne è un chiaro esempio. Nel ’66, Bruce Nauman realizza una targa in piombo per albero chiaramente ispirata alle Investigazioni filosofiche di Ludwig Wittgenstein, che di lì a poco sarebbe diventato oggetto di culto fra i concettuali e i minimalisti. “Una rosa non ha denti” è infatti una citazione diretta del filosofo che partendo dalla frase “La legge non ha denti” giunse all’assurdità di tale affermazione dimostrando che la lucidità del processo non rende immuni dall’assurdità logica.

Una rosa non ha denti
Bruce Nauman negli anni Sessanta
Fino al 9 settembre, Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea, piazza Mafalda di Savoia, Rivoli (TO)
tel. 0119565222
Catalogo University of California Press, € 45


www.castellodirivoli.it

Foto: The True Artist Helps The World By Revealing Mystic Truths (Window or Wall Sign) (Il vero artista aiuta il mondo rivelando verità mistiche – Insegna da vetrina o da parete), 1967, courtesy Bruce Nauman e Sperone Westwater, New York
Eating My Words (from the portfolio Eleven Color Photographs) (Mi mangio le parole – dalla serie Undici fotografie a colori), 1966–67, Collezione Museum of Contemporary Art, Chicago, Gerald S. Elliott Collection, Foto Michael Tropea © MCA, Chicago
A Rose Has No Teeth (Lead Tree Plaque) (Una rosa non ha denti – Targa in piombo per albero), 1966, Collezione Daros, Svizzera
© 2006 Bruce Nauman/Artist Rights Society (ARS), New York

stampa

coolmag