Coolmag - art

Veronica
Whirling Green
I polli
home - art




Mondo Mondino

di Redazione

Amante delle auto veloci. Appassionato di stoffe, donne, liquori. Curioso della vita, instancabile viaggiatore, artista ironico, enigmistico. Aldo Mondino (1938-2005) viene messo in scena a tutto tondo nelle sorprendenti stanze di Villa delle Rose a Bologna. Attraverso quadri, materiali inediti, foto, lettere e documenti, Mondo Mondino racconta la vasta e poliedrica produzione dell’artista torinese che fece dell’irriconoscibilità una scelta di lavoro e di vita. Le 150 opere in mostra riflettono tutti i suoi stili: dall’avanguardia al surrealismo, dalla concettualità venata d’ironia alla fascinazione esotica. Ecco sculture che strappano un sorriso come Torso-torsolo (busto di uomo incastonato in un residuo di mela) e La mamma di Boccioni (bronzo con 2 bocce da bowling al posto dei seni); finti tappeti riprodotti su pannelli di eraclite, dipinti negli Anni ’60 e ’70 e basati su ironici giochi di parole: come Cancello del ‘64, che gioca sull’ambiguità del termine "cancello" e dell’azione del cancellare. E poi quadri, più recenti, realizzati esclusivamente con cioccolatini.

A queste opere ludiche e infantili, basate sul “divertissement semantico”, si alternano lavori più profondi e poetici, capaci di stupire e incantare. Dervisci che danzano leggeri come farfalle, barche e uccelli scaturiti “dai colpi di fioretto dell’artista”, venditori dei souk e dei bazar con le loro mercanzie, suonatori di strada, santoni secchi e barbuti, sultani turchi dai sontuosi vestiti e ricchi turbanti. Poesia e musica, profumi e sensazioni di un Oriente racchiuso in superfici lucide, colorate e arricchite da micro-particelle riflettenti. Non tele ma linoleum, su cui il pennello scivola via veloce regalandoci una poetica visione del mondo. Quadri che trasmettono emozioni, senza avere valenze troppo realistiche e grazie alla straordinaria freschezza del gesto pittorico. Quello che Mondino ha rappresentato è un Oriente lontano e misterioso, un esotismo intellettuale che è diventato sigla dominante del suo lavoro. Un Mondo Mondino ironico, immaginifico, sperimentale, imprevedibile.

Mondo Mondino. L’universo artistico di Aldo Mondino
Fino al 16 giugno, Villa delle Rose, via Saragozza 228/230, Bologna
tel. 051436818
Catalogo Damiani Editore, € 30


www.galleriadartemoderna.bo.it

Foto: Veronica, 1999
Whirling Green, 1997
I polli, 1998

stampa

coolmag