Coolmag - art

Nudes with Beach Ball
House
Still Life with Reclining Nude
home - art




Roy Lichtenstein: de principio a fin

di Stefano Bianchi

Un titolo che la dice lunga – Dal principio alla fine – per illustrare retrospettivamente la Pop Art di Roy Lichtenstein (1923-1997). La Fundación Juan March madrilena rende omaggio all’artista newyorkese esponendo una selezione di 97 opere realizzate fra il ’66 e il ’97. Denominatore comune: i punti del retino, tipici dei dipinti-fumetto, che Andy Warhol invidiava a Lichtenstein e che il pittore nel ‘70 ebbe modo di giustificare così: «I punti possono avere una funzione sostanzialmente decorativa, o rappresentare una tecnica industriale per applicare il colore o trasmettere informazioni. Addirittura, possono voler dire che il quadro è un falso. Un Mondrian con punti del retino è chiaramente un falso».

L'iper colorata e plateale “finzione pop” di Lichtenstein, messa in mostra a partire dalle fonti d’ispirazione sino alle conseguenze finali, non solo alterna personaggi popolari dei “cartoons” quali Donald Duck, Tintin e Dagwood, protagonisti di “strisce” femminili come Girls Romances, Secret Hearts e Heart Throbs, beni di consumo e oggetti casalinghi, ma anche simboli classici come il Laocoonte, scenari mutuati da Van Gogh e Cézanne, ritratti estrapolati da Picasso, nudi e interni di Matisse, rigurgiti cubisti e tributi futuristi (illuminante il Cavaliere rosso del ‘74, che “ricalca” l’omonimo dipinto di Carlo Carrà del ’13), le ninfee di Monet e la colonna senza fine di Brancusi. In più, la fumettosa fascinazione dell’artista si è spesso confrontata con vetusti temi della storia dell’arte come i paesaggi della Cina, le nature morte, la rappresentazione degli interni domestici utilizzata come specchio della propria interiorità. De principio a fin, arricchita dalla proiezione di un film girato da Lichtenstein nel ’70 e commissionato dal Los Angeles County Museum of Art, che mette in scena paesaggi marini confrontati a una serie di collages realizzati fra il ’64 e il ’66, è infine accompagnata dai documentari The Drawings of Roy Lichtenstein, 1961-1986 e Roy Lichtenstein: Reflections, realizzati rispettivamente nell’87 e nel ’93.

Roy Lichtenstein: de principio a fin
Fino al 20 maggio, Fundación Juan March, Castelló 77, Madrid
tel. 0034-91-4354240


www.march.es

www.lichtensteinfoundation.org

Foto: Nudes with Beach Ball, 1994
House, 1997
Still Life with Reclining Nude, 1997
© Estate of Roy Lichtenstein/Vegap, 2007

stampa

coolmag